19 alberi saranno rimossi per la nuova grande rotatoria fra la tangenziale e via Peruzzi, ne saranno ripiantumati 38

Il Comune di Carpi informa che resteranno gli impianti semaforici (a chiamata) per l'attraversamento di pedoni e ciclisti. I lavori inizieranno nella prossima primavera e dureranno un anno.

0
1685

E’ stato approvato il progetto definitivo-esecutivo di una nuova grande rotatoria che sostituirà l’attuale impianto semaforico nell’intersezione tra la tangenziale Losi e via Peruzzi, tra il polo scolastico e quello sportivo: avrà un diametro esterno di 60 metri e costerà complessivamente 1.700.000 euro, dei quali un milione finanziato dal PNRR. “L’obiettivo – si legge nella nota del Comune di Carpi – è incrementare la sicurezza stradale e, nel contempo, snellire il traffico che, anche a causa della prossimità con gli impianti sportivi (palasport e piscine), le scuole e il Centro di formazione professionale, vede il formarsi di code ai semafori.

Ad aumentare la sicurezza concorreranno anche altre due realizzazioni previste: un percorso ciclopedonale per attraversare nei pressi della rotatoria con semafori a chiamata; e nuove aree verdi con la piantumazione di 38 nuovi alberi (al posto dei 19 che dovranno essere rimossi per risagomare i tratti in prossimità della rotatoria).

Gli ingressi e le uscite in rotonda saranno a due corsie per ciascun senso di marcia, con larghezza totale di 6,50 metri: faranno eccezione i rami verso la circolazione ovest che saranno di 7,50 m per agevolare il passaggio dei bus diretti alla zona scolastica. Il centro della rotatoria sarà realizzato in modo che non sia visibile la parte opposta: così l’attenzione degli utenti della strada, automobilisti e conducenti di qualsiasi veicolo, sarà attirata dalla presenza fisica dell’isola centrale; invece nell’area più esterna della rotatoria sono previsti “tappezzanti” bassi, in modo da non ostacolare la visibilità di chi guida”.

“Dalle simulazioni effettuate – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Paolo Malvezzi – risulta evidente che la rotatoria porterà benefici in termini di efficienza e sicurezza. Certo, il flusso di veicoli nella zona è significativo quindi non si può pensare di eliminare totalmente, soprattutto durante le ore di punta, episodi di rallentamento del traffico. Confidiamo, comunque, che la realizzazione della nuova bretella di Fossoli assorbirà una parte importante del traffico attualmente in transito sulla tangenziale Losi. Per quanto riguarda i tempi, si stima che i lavori possano iniziare la prossima primavera e concludersi entro la successiva, ovviamente mettendo in campo ogni misura utile a ridurre i disagi al minimo”.