Trasforma la bici in un ciclomotore elettrico: ventenne dovrà pagare 6mila euro di multa

La Polizia Locale ha sanzionato per oltre seimila euro un ventenne fermato su una pista ciclabile a bordo di un veicolo manomesso: il mezzo, che all’apparenza poteva sembrare una bicicletta elettrica, era stato in realtà trasformato in un ciclomotore, sia per la velocità raggiungibile sia perché privato dei pedali.

0
2041

La Polizia Locale ha sanzionato per oltre seimila euro un giovane fermato su una pista ciclabile a bordo di un veicolo manomesso: il mezzo, che all’apparenza poteva sembrare una bicicletta elettrica, era stato in realtà trasformato in un ciclomotore, sia per la velocità raggiungibile (20 km orari, oltre il triplo della bici a pedalata assistita), sia perché privato dei pedali. Da qui una serie di contestazioni al conducente, che era senza i previsti casco, polizza, patente e immatricolazione, per di più su una ciclabile.

L’uomo, un ventenne residente a Carpi, è stato fermato da una pattuglia in servizio di ordinario controllo del territorio: gli agenti hanno visto arrivare un ciclista a velocità sostenuta, notando però che non pedalava mai – cosa invece necessaria anche nelle biciclette elettriche. Una volta controllato, il mezzo risultava dotato di motorino elettrico, di un acceleratore sul manubrio e di tachimetro a display: insomma, non una bicicletta a pedalata assistita, ma un vero e proprio ciclomotore elettrico non immatricolato, frutto di manomissione per ottenere prestazioni appunto da motorino anziché da bici. Da qui le sanzioni, e il sequestro del veicolo per la successiva confisca.