Vita dura per i disabili a Carpi, tra barriere architettoniche e parcheggi scomparsi

Tra le criticità segnalate dall’associazione Adifa vi sono l’inesistente segnaletica pedonale in corrispondenza dei cantieri tra via Aldrovandi e via Matteotti, la “scomparsa” dei Parcheggi per disabili presso l’Ufficio Postale di Carpi e la gru che insiste nel bel mezzo della pista ciclopedonale di via Pola Esterna.

0
934

E’ anche dai piccoli particolari che si giudica il livello di attenzione di una comunità alle persone più svantaggiate che poi, di fatto, si traduce in un beneficio per tutti i cittadini.  “Il nostro impegno per una città più accogliente, accessibile e inclusiva continua, fa parte della nostra missione. Purtroppo – spiega il Comitato Direttivo dell’associazione di promozione sociale di disabili e loro famigliari ADIFA – spiace rilevare che certe situazioni continuano”.  Tra le criticità segnalate dall’associazione vi è “l’inesistente segnaletica pedonale in corrispondenza dei cantieri tra via Aldrovandi e via Matteotti! I pedoni non possono far altro che camminare sulla strada dove transitano le auto, immaginiamo le difficoltà per una persona non vedente o in carrozzina con una limitata visibilità. Sono anni che si chiede la presenza di apposite segnaletiche per i pedoni e per favorire gli attraversamenti laddove possibile”.

Parcheggi per disabili presso l’Ufficio Postale di Carpi: chi l’ha visto? “I parcheggi riservati ai disabili nell’area adiacente l’Ufficio Postale di Carpi sono tre: due visibili solo tramite la segnaletica verticale perchè quella orizzontale è ormai scomparsa. Nel terzo, quello all’incrocio con via San Rocco, anche il segnale verticale è nascosto tra la fitta vegetazione”. Segnaletica che deve essere ripristinata e il verde manutenuto.

Infine Adifa punta il dito su via Pola Esterna o meglio sulla gru che insiste “nel bel mezzo della pista ciclabile e ovviamente senza alcuna segnaletica di preavviso e nessuna indicazione su dove attraversare la strada. Proprio non poteva stare nell’area di pertinenza della proprietà del cantiere?”.