Trekkig col treno: si parte!

La trentaduesima edizione di escursioni sul territorio bolognese e modenese torna dall'8 aprile con diverse novità

0
911

Si parte l’8 aprile fino al 17 dicembre con 43 escursioni lungo i sentieri del territorio bolognese e modenese, da quelli più conosciuti ad altri ancora poco noti, tutti da scoprire a piedi (o in bicicletta) nonché da raggiungere con il treno e, a volte, con il bus, in un’ottica di sostenibilità dei trasporti. L’edizione di quest’anno, la numero 32, confermata allargata al territorio modenese, lancia inoltre una raccolta fondi per il recupero e la manutenzione del sentiero 063, il percorso che dalla zona Sterlina di Lagaro, nel Comune di Castiglione dei Pepoli, porta fino alla Collina di Monteacuto Ragazza, frazione del Comune di Grizzana Morandi. Il Cai, per documentare il recupero e la manutenzione del sentiero, ha deciso di ambientare proprio su questo percorso sia il primo appuntamento di Trekking col Treno 2023, l’8 aprile (https://www.trekkingcoltreno.it/Home_Page/elenco/1_-_Il_Sentiero_063) sia l’ultimo del 17 dicembre, “affinché i partecipanti possano constatare direttamente i lavori compiuti”. I 2 euro della quota di partecipazione, infatti, verranno destinati a un fondo dedicato a questa attività straordinaria sul sentiero 063 (gli iscritti Cai sono esentati visto che la pulizia dei sentieri è compresa nella quota sociale di iscrizione).

Anche quest’anno poi saranno presenti “assaggi” giornalieri di alcuni dei cammini del territorio, tra cui la Via degli Dei e la Via Mater Dei, ma non mancheranno passeggiate tra gli antichi borghi montanari.

La prenotazione si effettua online nella settimana dell’escursione (dalla mattina del lunedì al tardo pomeriggio del venerdì) su trekkingcoltreno.it, che utilizza la piattaforma Trekksoft fornita da Bologna Welcome e che permette anche il pagamento della quota di partecipazione: 7 euro per i non soci Cai (di cui 2 euro per il progetto legato al recupero del sentiero 063) e 2 euro per i soci, appunto (la quota di partecipazione non comprende i costi dei trasporti, che sono a carico dell’escursionista).