Nella Notte dei Racconti “le fiabe sono vere” alla scuola d’Infanzia Berengario

Sintonizzati idealmente con tutti coloro che il 24 febbraio hanno aderito all’iniziativa dedicandosi alla lettura e all’ascolto c’erano anche i bambini delle tre sezioni della Scuola d’Infanzia Berengario coinvolti dalle insegnanti in una “Gita sulla luna”.

0
1213

“Le fiabe sono vere” scrive Italo Calvino nella sua introduzione alla raccolta Fiabe italiane, perché sono la spiegazione generale della vita. Nell’anniversario della nascita dello scrittore considerato tra i più innovativi del ‘900, la Notte dei Racconti gli ha reso omaggio. Sintonizzati idealmente con tutti coloro che il 24 febbraio hanno aderito all’iniziativa dedicandosi alla lettura e all’ascolto c’erano anche i bambini delle tre sezioni della Scuola d’Infanzia Berengario coinvolti dalle insegnanti in una “Gita sulla luna”.

Si sono presentati a scuola con un indumento blu e una torcia in mano nella mattinata di venerdì 24 febbraio e hanno aspettato che calasse il buio per vivere la magia delle atmosfere notturne, quasi lunari ricreate nel salone della scuola. Durante questo viaggio sulla luna, hanno fatto il curioso ritrovamento di un testo antico: Fiabe da far paura (appena, appena, non tanto) di Italo Calvino. E l’avventura è poi proseguita nella casa di Zio Lupo, un grande classico della letteratura Italiana per l’infanzia.

“Nel salone della scuola – spiegano le insegnanti – è stata ricreata una notte illuminata da stelle proiettate sul soffitto o appese sulle pareti. I bambini sono stati protagonisti di un viaggio sul pulmino spaziale del libro Gita sulla luna la cui scenografia è stata ricreata con materiale di recupero. Trattandosi infatti di un silent book, il libro consente una lettura a più voci con il contributo attivo dei bambini. Là, in gita sulla luna i bambini della scuola Berengario hanno ritrovato un antico testo, un classico della letteratura per l’infanzia, Fiabe da far paura (appena, appena, non tanto) e un piccolo segnalibro in corrispondenza della fiaba di Zio lupo, una storia divertente e molto amata dai bambini che si conclude anch’essa nella notte…”

L’iniziativa ha lo scopo di far entrare le storie in tutte le case “attraverso i ricordi, gli sguardi le parole dei bambini che riportano in famiglia quanto vissuto a scuola. Uno stimolo per piccoli e grandi, a ritrovarsi tutti insieme a leggere, narrare, raccontare tutti insieme, per celebrare due figure molto significative, Italo Calvino e Loris Malaguzzi, che a vario titolo hanno dato un grande contributo educativo alle generazioni di ieri, di oggi e di domani” concludono le insegnanti.

S.G.