Un amore per la danza che dura da oltre dieci anni

Per gli appassionati della danza e del teatro sabato 4 febbraio il CSI Comitato di Carpi e CSI Carpi Sport hanno organizzato presso il Teatro Comunale di Carpi la rassegna di danza Dance Project.

0
902

Per gli appassionati della danza e del teatro sabato 4 febbraio il CSI Comitato di Carpi e CSI Carpi Sport hanno organizzato la rassegna di danza Dance Project, un progetto nato oltre dieci anni fa per dare la possibilità a tutte le scuole di danza del territorio, affiliate e non, di farsi conoscere nei vari stili, dal classico al moderno, dal contemporaneo alla street dance. Sul palco del Teatro Comunale di Carpi si sono esibiti 148 ballerini,  bambini e ragazzi dai 5 ai 16 anni.

“Questa rassegna – spiega Barbara Freda, ideatrice e organizzatrice di Dance Project, nonché responsabile danza CSI Carpi – permette ai piccoli danzatori di realizzare un sogno, poter ballare sul palcoscenico di un teatro che da sempre è la cornice migliore per la danza. Dopo duri anni di pandemia questo evento è un punto di partenza e crescita per la danza”. 

La rassegna, aggiungono Catia Garuti e Francesco Arena di Surya, “è stata una bella opportunità per i ragazzi che, oltre a divertirsi ed emozionarsi per essere su un palco, hanno avuto l’occasione di confrontarsi con gli altri. La danza è un’arte, bella e complessa, siamo convinti che si cresca anche facendo esperienze di questo tipo”.

“L’evento si è svolto in grande amicizia, i ballerini delle varie scuole si sono potuti conoscere, tralasciando l’agonismo presente nei concorsi di danza”, prosegue Irina Osadchaya di Dance art studio di Health  Club di Carpi.

“Crediamo che la danza sia vita e passione, da cui si può imparare a rialzarsi dopo ogni caduta, con le nostre coreografie abbiamo voluto raffigurare la gioia di danzare ma anche il tema della discriminazione delle diversità”, spiega Sara Bencivenni di Aneser di Novi.  “La danza per noi è armonia, gioia e cerchiamo di trasmettere ai nostri allievi il piacere di danzare ed esprimersi attraverso la musica ed il movimento”, conclude Serena Marchetto, della Scuola Ecole Klassique del Circolo Sandro Cabassi.

Alla rassegna hanno partecipato anche il Centro d’arte Prodanza, il Centro sportivo Danza Rio di Rio Saliceto, la scuola Artedanza asd e i ballerini di Stars academy di Modena accompagnati da Nadezda Sviridova.

Per il CSI di Carpi eventi come questo rappresentano la vera essenza dell’essere un ente di promozione sportiva. L’auspicio è che ci siano sempre più eventi dove l’importante è danzare insieme, tra amici, senza competizione. Dove a essere protagonisti siano l’amore per la danza e il teatro.