Site specific, domenica tre appuntamenti speciali nei luoghi della Fondazione Fossoli

Simone Maretti racconta e legge ‘Niente di nuovo sul fronte occidentale’ al Museo Monumento al Deportato, in ex Sinagoga la mostra ‘I volti del lager’ e al Campo di Fossoli proiezione no stop del documentario ‘La nostra storia e la storia degli altri’.

0
572

Sarà una giornata densa di iniziative quella di domenica 5 febbraio, quando a Carpi si svolgerà  Site specific, una serie di iniziative speciali promosse dalla Fondazione Fossoli ogni mese, da ottobre 2022, nei tre luoghi che gestisce, ovvero Museo Monumento al Deportato, ex Sinagoga e Campo di Fossoli. Al Museo Monumento al Deportato torneranno a riecheggiare le frasi dei grandi classici della letteratura del Novecento, con la quarta puntata della rassegna I Classici al museo: in questa occasione, dalle 17, Simone Maretti racconterà e leggerà Niente di nuovo sul fronte occidentale, capolavoro di Erich Maria Remarque. Nel tono malinconicamente rassegnato di chi si rende conto di non avere futuro, Paul Bäumer – il giovane soldato tedesco protagonista del romanzo – racconta in che modo la Grande Guerra lo abbia spogliato di qualsivoglia forma di umanità: sentimenti, ricordi, speranze, valori. Splendida, nella propria tragicità, la scena in cui – tornato a casa per una licenza – sfoglia inutilmente i libri che fino a pochi anni prima, da adolescente, gli procuravano gioia, svago; ormai non gli dicono niente – come uno specchio nel quale non si riflette alcuna immagine, e rimane pertanto vuoto. Forse il più bel libro mai scritto sul tema dei conflitti armati tra popoli e nazioni. Perché non parla principalmente di guerra dal punto di vista logistico, strategico o statistico; e nemmeno punta sulla sensazione, sulle immagini cruente. Racconta di uomini, e di ciò che si cela tra le pieghe della loro anima.

Per partecipare occorre iscriversi su info@fondazionefossoli.it.

Presso l’ex Sinagoga, invece, si potrà visitare la mostra Volti nel lager. Ritratti eseguiti nel 1944 a Fossoli e Bolzano. L’esposizione presenta gli eccezionali disegni e ritratti realizzati da Armando Maltagliati nei Lager di Fossoli e Bolzano. Accanto a essi, anche due disegni altrettanto inediti di Lodovico Barbiano di Belgiojoso dedicati allo stesso Maltagliati. Domenica la mostra sarà visitabile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, e sarà l’ultimo giorno possibile per vederla, perché successivamente sarà allestita un’altra esposizione.

Nell’avvicinarsi al Giorno del Ricordo, Campo di Fossoli, che sarà aperto dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, sarà proiettato a ciclo continuo il documentario La nostra storia e la storia degli altri. Il Confine Orientale nel Novecento: prodotto da ISGREC – NONE Regione Toscana per la regia e il montaggio di  Luigi Zannetti, compie un viaggio nello spazio e nel tempo, attraverso i segni degli spostamenti del cosiddetto “confine mobile”. Il piccolo gruppo di insegnanti, che l’ISGREC e la Regione Toscana hanno voluto coinvolgere in un lavoro di formazione, ha raccolto tracce della memoria di molte e diverse sofferenze, il racconto di storiche e storici, di qua e di là dal confine.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito.