Percorrere via Aldo Moro Esterna in bicicletta è un terno al lotto: qualcuno faccia qualcosa!

Un lettore denuncia il pessimo stato in cui versa il fondo stradale di via Moro Esterna, all’altezza del distributore Q8, che porta alla zona industriale di Limidi. “In quei tratti le biciclette, così come scooter e motorini, sobbalzano letteralmente e questo rende davvero difficilissimo mantenere stabile il proprio mezzo. Ora che è inverno poi, di sera, quando la visibilità è ridotta il rischio che si corre è altissimo. Percorrere quella strada è davvero un terno al lotto”, ci scrive. Perchè nessuno fa nulla per porvi rimedio? Lì sì che occorrerebbe una pista ciclabile.

0
804

Egregia redazione, vorrei segnalare la pericolosità del tratto di via Aldo Moro Esterna, all’altezza del distributore Q8, che porta alla zona industriale di Limidi. In entrambe le direzioni di marcia (verso limidi e verso Carpi) sono presenti dei tratti sconnessi d’asfalto con buche e avvallamenti. Già la strada è strettissima e chi, come me, va in bicicletta al lavoro a Limidi, deve fare i conti ogni giorno con camion che ti sfrecciano accanto a pochi centimetri di distanza.

In quei tratti le biciclette, così come scooter e motorini, sobbalzano letteralmente e questo rende davvero difficilissimo mantenere stabile il proprio mezzo. Ora che è inverno poi, di sera, quando la visibilità è ridotta il rischio che si corre è altissimo. Percorrere quella strada è davvero un terno al lotto.

Perchè nessuno fa nulla per porvi rimedio? Lì sì che occorrerebbe una pista ciclabile.

Lettera firmata