Passo in avanti verso il recupero della Corte di Fossoli

L'intervento di recupero prevede di realizzarvi oltre venti appartamenti, destinati in particolare a anziani e giovani coppie e di trasferirvi alcuni servizi sociali.

0
298
Rendering dell'intervento di riqualificazione

Nuovo passo in avanti per il recupero dell’ex-corte di Fossoli: la Giunta ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica, denominato Riqualificazione e rifunzionalizzazione del complesso immobiliare Corte di Fossoli e redatto dalle società Politecnica ingegneria ed architettura e Sama scavi archeologici, per l’importo complessivo di quasi 18 milioni di euro e articolato in tre lotti attuativi.

Il primo lotto, da 6,5 milioni, prevede la riqualificazione di quattro fabbricati (ex-magazzino e deposito, porticato, ex-caseificio, ex-abitazioni); il secondo, da 7,8 milioni, la riqualificazione degli altri tre fabbricati (le ex-stalle e relativi fienili); il terzo, da 3,5 milioni, la sistemazione finale del comparto.

Di questi 17,8 milioni, 14,8 arriveranno dal PNRR, gli altri 3 sono a carico del Comune.

L’ex-corte agricola, appartenente all’Ente locale, si sviluppa su oltre 18mila metri quadri, dei quali seimila di superficie coperta e comprende sette edifici (un tempo adibiti a stalle, fienili, caseificio, ricovero attrezzi e abitazioni), oggi in completo abbandono anche a causa del sisma 2012, e vincolati dalla Sovrintendenza.

L’intervento di recupero prevede di realizzarvi oltre venti appartamenti, destinati in particolare ad anziani e giovani coppie e di trasferirvi alcuni servizi sociali. “Il progetto della Corte Fossoli – spiega l’assessore al Sociale Tamara Calzolari – è un altro tassello importante per unire alla riqualificazione di aree urbane anche un progetto di politica abitativa, mettendo a disposizione nuovo patrimonio immobiliare per affitti a canone calmierato destinato ad anziani e giovani coppie 22 appartamenti, oltre a spazi per attività a favore di utenti disabili e per le iniziative ricreative della frazione”.

Il prossimo passo sarà l’approvazione del progetto esecutivo, che darà il via alla procedura di affidamento lavori.