Pomeriggio al cinema dà appuntamento al prossimo anno

Sono stati oltre 1.900 gli spettatori della 24esima edizione di Pomeriggio al cinema, la storica rassegna promossa dall’Università Natalia Ginzburg, con il contributo della Fondazione CR Carpi e il patrocinio del Comune.

0
856

Sono stati oltre 1.900 gli spettatori della 24esima edizione di Pomeriggio al cinema, la storica rassegna promossa dall’Università Natalia Ginzburg, con il contributo della Fondazione CR Carpi e il patrocinio del Comune. Soddisfazione tra gli organizzatori, che hanno così potuto portare a termine le 10 proiezioni, che si sono svolte ogni mercoledì, a partire dal 28 settembre, presso il cinema Space City di Carpi. Una soddisfazione doppia, dato che in questa edizione la rassegna ha aumentato i partecipanti, facendo registrare un incremento quasi dell’11% (10,836%) rispetto al 2021, quando gli spettatori complessivi furono 1735.

Una partecipazione che entusiasma chi all’organizzazione della rassegna ha dedicato tanto impegno: “Siamo davvero felici di aver potuto coinvolgere così tante persone  – commentano le promotrici, volontarie dell’Università Natalia Ginzburg – e soprattutto del fatto che il pubblico di questa edizione ha gradito moltissimo le proposte di film, che spaziavano tra generi, paesi e tematiche anche molto diverse. Il grande schermo come possibilità di ritrovarsi insieme a fruire cultura, a confrontarsi sulle tematiche dei vari film, a scongiurare l’isolamento sociale che spinge a consumare ore e ore di prodotti televisivi da soli, davanti alla televisione o allo schermo di un PC: questi sono gli obiettivi per i quali, da ben 24 anni, portiamo avanti con passione e impegno questa rassegna che è entrata nel cuore di tanti. E per cui continueremo a proporla”.

L’appuntamento è dunque per settembre 2023, quando ‘Pomeriggio al cinema’ celebrerà i 25 anni di vita.

Un ringraziamento particolare va anche ai tre esperti che hanno selezionato i film e animato i dibattiti seguiti alle proiezioni, ovvero Dario D’Incerti, Eleonora Salomone e Nico Guidetti.