Più sicurezza al Pronto soccorso del Ramazzini: le misure dell’Ausl

L’Azienda sanitaria ha attivato in queste settimane il potenziamento della videosorveglianza (anche con funzione di deterrenza e possibilità di revisione degli eventi critici) e previsto una maggior permanenza in PS dei servizi di vigilanza con una stanza dedicata e un raccordo ancor più tempestivo con gli operatori tramite un pulsante per le emergenze. 

0
452

Sono entrate in funzione in queste settimane, e le ultime saranno attivate nei prossimi giorni, le misure per incrementare la sicurezza del Pronto soccorso di Carpi, una serie di interventi strutturali, di riorganizzazione ed efficientamento dell’assetto e formativi, anche con l’obiettivo di garantire maggiore sicurezza ai professionisti che vi lavorano.

L’Azienda sanitaria ha attivato in queste settimane il potenziamento della videosorveglianza (anche con funzione di deterrenza e possibilità di revisione degli eventi critici) e previsto una maggior permanenza in PS dei servizi di vigilanza con una stanza dedicata e un raccordo ancor più tempestivo con gli operatori tramite un pulsante per le emergenze. 

Si è lavorato anche sul versante organizzativo e con nuove istruzioni operative interne con l’obiettivo di detendere le attività di PS e aumentare ulteriormente il tempo da dedicare al primo contatto col paziente, attraverso interventi a livello gestionale sul front office del triage e con la prossima implementazione del servizio di portineria notturno; saranno migliorate le informazioni presenti sui monitor in sala d’attesa relativamente ai pazienti in carico, per consentire ai cittadini ed eventuali accompagnatori di verificare costantemente il proprio percorso, l’attivazione definitiva è prevista nelle prossime settimane, una volta completata la formazione degli operatori. Per fornire supporto e sollievo organizzativo per gli operatori, è stato inoltre aumentato il monte ore di presenza in struttura dei coordinatori del Dipartimento di emergenza urgenza.

Sono stati infine già realizzati – e hanno avuto un positivo riscontro da parte dei professionisti partecipanti – gli interventi formativi e di supporto al personale, sia per la gestione dei comportamenti aggressivi e/o degli atti di violenza a danno dei lavoratori con corsi per Medici-OSS-Infermieri-Autisti Soccorritori, sia con l’offerta di un supporto psicologico individuale per gli Operatori di PS e Servizio emergenza territoriale 118 dopo gli eventi critici.

Ciò in continuità con ciò che l’Azienda ha già da tempo incentivato, vale a dire le procedure di segnalazione interna di episodi aggressivi o violenti, per migliorare gli interventi di sostegno al personale e per una valutazione sempre più puntale di tutto ciò che accade all’interno delle proprie strutture.