Feliz NOVIdad: Novi si accende in attesa del Natale

Domenica 27 novembre, da mattina a sera, Piazza 1° Maggio, si animerà con una festa pre-natalizia che prevede anche la partecipazione di Babbo Natale, atteso per le 10. Protagonisti della giornata saranno i commercianti e gli hobbisti che con i loro banchetti coloreranno la piazza. Non mancheranno stand gastronomici e una Scuola di Pasticceria Natalizia per bimbi e ragazzi.

0
812

In un periodo durissimo per tante famiglie alle prese con un costo della vita che lievita sempre più, dopo oltre due anni trascorsi all’insegna della pandemia, Novi rialza la testa e decide di accendersi in occasione della festa più attesa dell’anno, per illuminare un grigio che rischia di trascinare tutti a fondo.

Domenica 27 novembre, da mattina a sera, Piazza 1° Maggio, si animerà con una festa pre-natalizia che prevede anche la partecipazione di Babbo Natale, atteso per le 10, e che rimarrà in compagnia di grandi e piccini sino al primo pomeriggio: poi alle 14, raccolte le letterine dei bambini, dovrà necessariamente fare ritorno nella sua Lapponia e raggiungere i folletti alle prese con gli ultimi pacchetti e pacchettini. Ad accompagnare l’arrivo di Babbo Natale ci sarà la banda giovanile intercomunale Novi-Soliera, mentre a rallegrare l’atmosfera dopo la sua partenza ci penseranno i ragazzi della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo “Renzo Gasparini” di Novi che intoneranno il tradizionale canto natalizio. Ma i veri e indiscussi protagonisti della giornata saranno i commercianti del paese e gli hobbisti che con i loro banchetti coloreranno la piazza e con le loro proposte aiuteranno i presenti nella scelta dei regali, dando vita ad un vero e proprio mercatino natalizio. E non mancheranno stand gastronomici con diverse leccornie, tra cui caldarroste, gnocco fritto, torte, cioccolata calda, vin brulè e tè, oltre a una vera e propria Scuola di Pasticceria Natalizia per bimbi e ragazzi al di sotto dei 14 anni, che si terrà dalle 10.00 alle 14.00.

“Una giornata di festa – sottolinea la promotrice dell’iniziativa, Antonella Bacchiega del Circolo Lugli – resa possibile dalle varie associazioni che, una dopo l’altra, hanno aderito per valorizzare in questo modo il territorio e creare un’occasione di ritrovo per l’intera comunità. Da novese mi piange il cuore quando sento dire che nel nostro paese non c’è mai nulla. Ecco stiamo facendo del nostro meglio per dimostrare che non è così, non più almeno. All’iniziativa, che ci auguriamo possa attirare molte persone anche dai Comuni limitrofi, prenderà parte pure il Gazebilo delle Streghe per autofinanziarsi in vista di un evento all’insegna del mistero e del passato che si svolgerà a Novi nel 2024. Adesso però non vi posso svelare nulla…”. In caso di maltempo l’evento si terrà presso la Sala Civica Ferraresi.

Federica Boccaletti