Nuove nomine in Fondazione CR Carpi

Il Consiglio di Indirizzo della Fondazione CR Carpi, nella seduta di lunedì 21 novembre, ha proceduto a nuove nomine per la scadenza dei mandati dei propri consiglieri designati da Comitato Unitario Ordini Professionali, Diocesi di Carpi e Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

0
1412

Il Consiglio di Indirizzo della Fondazione CR Carpi, nella seduta di lunedì 21 novembre, ha proceduto a nuove nomine per la scadenza dei mandati dei propri consiglieri designati da Comitato Unitario Ordini Professionali, Diocesi di Carpi e Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Nell’ambito delle due terne di competenza del Comitato Unitario degli Ordini Professionali della Provincia di Modena, l’organo di indirizzo ha riconfermato il notaio Marco Caffarri, titolare di studio notarile, membro della Commissione Deontologia e Segretario del Consiglio Notarile di Modena, e ha eletto l’architetto Filippo Landini in sostituzione dell’ingegnere Mario Arturo Ascari, presidente della società di information technology Pro-Vision che dal 2 settembre ha assunto la presidenza della Fondazione CR Carpi.

Il Consiglio di Indirizzo, nella medesima seduta, ha poi proceduto a nominare tra le due terne di competenza all’ente diocesano, il dottor Marco Catellani, funzionario di banca e la professoressa Cristiana Maria Casarini, per oltre un ventennio nel board internazionale con sede all’Aia del progetto rivolto ai giovani di educazione alla cittadinanza europea, attualmente nel consiglio dell’associazione di volontariato “Amici del fegato”, che subentrano ai consiglieri uscenti Nicola Marino e Giulio Testi entrambi non più rinnovabili nei rispettivi mandati.

L’organo di indirizzo della Fondazione ha infine proceduto all’elezione del professore Giulio Allesina, docente associato presso il dipartimento d’ingegneria Enzo Ferrari dell’Università di Modena e Reggio Emilia, nell’ambito dei nominativi pervenuti dall’ateneo modenese, in sostituzione del professore Paolo Tartarini anch’egli al termine dei propri mandati e non più rinnovabile.

Ai consiglieri di indirizzo uscenti va il ringraziamento della Fondazione per il costante impegno profuso a favore della comunità locale.