Aziende sanitarie modenesi in rosso, buco da 118 milioni di euro

Il bilancio preventivo dell'Azienda USL di Modena per il 2022 si presenta in disavanzo di circa 76 milioni di euro, mentre quello dell’Azienda ospedaliera universitaria ammonta a 42,5 milioni di euro. “Se non aumentano e addirittura diminuiscono le risorse negli anni, a fronte di richieste dei cittadini sempre più ampie, saremmo a un cortocircuito”, ha dichiarato il presidente Conferenza territoriale sociale e sanitaria della provincia di Modena, Gian Carlo Muzzarelli.

0
398
Gian Carlo Muzzarelli

Nella seduta di martedì 8 novembre della Conferenza territoriale sociale e sanitaria della provincia di Modena sono stati presentati e approvati i bilanci preventivi delle due aziende sanitarie modenesi. Una congiuntura non favorevole per la sanità che, come nel resto della regione e del paese, fa registrare dei disavanzi da attribuire in massima parte ai costi covid non rimborsati e all’aumento delle spese per l’energia. 

“Il sistema sanitario è  sotto pressione, deve essere obiettivo comune trovare nuove risorse”, ha dichiarato in apertura il presidente Gian Carlo Muzzarelli, evidenziando la preoccupazione per le le notizie nazionali che riportano l’ipotesi di blocchi di risorse ed in prospettiva una ulteriore riduzione del finanziamento alla sanità, rapportato al PIL. “Se non aumentano e addirittura diminuiscono le risorse negli anni, a fronte di richieste dei cittadini sempre più ampie, saremmo a un cortocircuito: la priorità invece è la conferma della nostra strategia di programmazione, sul quadro ospedaliero e territoriale, volto alla costruzione di una rete di servizi sanitari sempre più integrata ed efficiente, grazie anche alle strutture che saranno realizzate tramite i fondi del PNRR”. 

Il bilancio preventivo dell‘Azienda USL di Modena per il 2022 si presenta in disavanzo di circa 76 milioni di euro. Come previsto, impattano notevolmente sulla struttura dei costi il caro energia, che fa registrare un incremento complessivo di quasi 18 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente, e i costi covid, che continuano ad avere una dimensione importante, pari al 56% del disavanzo stesso. L’Azienda sanitaria continua a investire risorse, in parte finanziate con decreti emergenziali, con l’obiettivo di recuperare la produttività pre-pandemia in termini di volumi di prestazioni in ambito di specialistica ambulatoriale e di chirurgia programmata.

Fondamentale l’apporto dell’Ospedale di Sassuolo Spa, rispetto al quale l’Ausl incrementa la committenza di prestazioni sia di degenza che di specialistica, sempre con l’obiettivo di garantire il governo dei tempi d’attesa. Per lo stesso fine rimane pienamente confermato l’accordo di fornitura con l’Azienda Ospedaliero – Universitaria.  

Risultano in incremento, anche se contenuto, gli ulteriori costi legati alla farmaceutica ospedaliera e ai beni sanitari in genere, coerentemente comunque alla ripresa progressiva delle attività nelle strutture ospedaliere, secondo standard di produzione pre-covid. Sul fronte dei ricavi, si registra un incremento relativo all’erogazione di prestazioni sanitarie e da libera professione, e un miglioramento della mobilità attiva, che compensa però solo in parte i minori finanziamenti e contributi specifici che hanno caratterizzato l’anno 2021.

Ciononostante, come più volte ribadito in questi giorni, la Regione si impegna ad assicurare comunque la chiusura in pareggio dei bilanci, continuando a richiedere al governo di mettere la sanità pubblica al centro dell’agenda politica. 

“La sanità vive una fase di ulteriore difficoltà dopo quella legata alla pandemia: la difficoltà economica. Il disavanzo potenziale è principalmente composto dai costi covid, non rimborsati dal livello centrale, e dal triplicare delle spese energetiche. Non possiamo permetterci di arretrare sui servizi – commenta la Direttrice Generale dell’Ausl Anna Maria Petrini –, vogliamo continuare a garantire ai nostri cittadini la buona sanità che a Modena non è mai venuta meno”.

Il nostro sistema sanitario procede in una direzione di lenta metabolizzazione della pandemia, rispetto alla permanenza di persone ricoverate e a un impatto che comunque il covid continua ad avere sull’attività sanitaria, rileva Claudio Vagnini, DG dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena prima di procedere all’illustrazione del bilancio di previsione 2022, che AOU adotta con un disavanzo stimato di 42,5 milioni di euro. Di questi, l’81% è dovuto a costi Covid non rimborsati, mentre la differenza è conseguente al progressivo incremento dei costi energetici, passati in poco tempo dai 5 milioni di euro del 2021 ai poco più di 13 milioni di euro stimati nel preventivo. La presenza di impianti di cogenerazione e trigenerazione nelle due strutture ospedaliere ha comunque consentito di alleviare l’impatto di questo fattore sui conti. 

Al netto dei due elementi di criticità, la gestione evidenzia un buon andamento della produzione, con un aumento delle prestazioni sanitarie sia per pazienti modenesi, sia per pazienti della regione o di altre regioni, e un andamento dei costi in linea con la maggiore attività, per rispondere all’obiettivo di contenere i tempi d’attesa per visite e prestazioni chirurgiche. “Occorre difendere la nostra sanità provinciale – osserva in conclusione Vagnini – per mantenere un livello e una qualità di servizi che ci caratterizzano a livello non solo regionale ma nazionale”. 

Il Presidente della Ctss si è infine impegnato a sollecitare, anche con una lettera inviata formalmente, le istituzioni regionali e nazionali affinché si trovino i fondi necessari a garantire il sostegno a un piano sanitario provinciale che è volto a mantenere inalterato il livello dei servizi: “Il sì a questi bilanci è un sì politico – conclude Muzzarelli – ci assumiamo la responsabilità di questo momento difficile per dare valore e centralità al sistema sanitario universalistico, che vogliamo continuare a sostenere e difendere”.