Il saluto dell’assessore Truzzi al Consiglio Comunale: “è stato un onore rappresentare la città”

Il sindaco Alberto Bellelli ha ufficializzato nel corso della seduta del civico consesso di ieri, 28 ottobre, le dimissioni dell’assessore Marco Truzzi, ringraziandolo per il lavoro svolto. Avranno decorrenza ed effetto a partire dal 1° novembre.

0
480

Il sindaco Alberto Bellelli ha salutato formalmente nel corso della seduta del civico consesso di ieri, 28 ottobre, l’assessore Marco Truzzi, ringraziandolo per il lavoro svolto. “Mi è giunta nella giornata di martedì la richiesta di dimissioni da parte di Marco, motivate da una scelta di vita professionale. Dimissioni che avranno decorrenza ed effetto a partire dal 1° novembre. 

A Marco Truzzi va il mio ringraziamento personale perchè è stato un assessore leale a me e alla città. Un assessore che ha dato tantissimo, che ha portato uno spirito importante all’interno della filosofia dei lavori pubblici, compiendo anche una serie di scelte difficili in un periodo di forte transizione, all’insegna della  pandemia e di fermo lavori dei cantieri anche molto importanti. Truzzi è un ragazzo giovane che ha scelto di impegnarsi in politica e nell’Amministrazione con affetto sincero e tanta passione. Un assessore che ora viene richiesto da una grande azienda per un ruolo di responsabilità e credo che questo esprima le qualità di Marco che ha onorato questa città col proprio lavoro. Un grande in bocca al lupo da sindaco ma anche da amico”.

Dal canto suo Truzzi ha voluto ringraziare la Giunta e i consiglieri, in particolare  quelli di maggioranza, “per non aver mai fatto venir meno il loro sostegno e per essere stati uno sprone a fare di più e meglio. È un’esperienza che ho fatto sin dal principio con uno spirito di servizio sapendo che sarebbe stata una parentesi nel mio percorso prima di tornare al mondo del privato da cui provengo. Un ritorno avvenuto prima della fine dei cinque anni e di cui mi dispiaccio ma di fronte ho un’opportunità davvero importante. Quanto fatto sinora non è merito mio ma di una squadra e confido che il solco tracciato continuerà ad andare avanti. E’ stato un onore rappresentare la città”.

Jessica Bianchi