Riorganizzati la gestione e i turni d’uso delle palestre

Con le palestre Focherini e Gallesi fuori uso e la rinuncia, da parte della Goldoni pallavolo Carpi Asd, a gestire due palestre del liceo Fanti, il Comune ha predisposto un piano turni per garantire continuità all’attività sportiva di tutti nell’imminente stagione.

0
552

La Giunta ha approvato ieri una riorganizzazione nella gestione delle palestre comunali e dei loro turni. Il provvedimento è conseguente al piano di investimenti che il Comune sta attuando sui propri impianti: un piano, concordato con la Consulta dello Sport, che oltre a mantenere gli alti livelli di qualità e sicurezza, aumenterà anche il patrimonio con nuovi impianti, come la palestra polivalente vincitrice del finanziamento Pnrr di 2,5 milioni e cofinanziata dal Comune con altri 1,2 milioni.

In questo contesto, alcuni interventi manutentivi, come nella palestra delle scuole Focherini o della Gallesi, rendono temporaneamente inutilizzabili le strutture: nel primo caso (miglioramento antisismico per oltre un milione), inadempimenti contrattuali della ditta hanno ritardato la conclusione dei lavori; nel secondo caso, si è scelto di interrompere subito l’attività nella palestra e trasferirla in altri impianti, per pianificare interventi senza correre il rischio che poi l’attività dovesse traslocare a stagione iniziata.

A queste due situazioni si è aggiunta la rinuncia, da parte della Goldoni pallavolo Carpi Asd, a gestire due palestre del liceo Fanti (della Provincia, ma in uso al Comune per attività sportiva extra-scolastica), determinando l’urgenza per il Comune di individuare un nuovo gestore che continui a garantirne la disponibilità.

Tali circostanze hanno imposto una riorganizzazione straordinaria, per garantire continuità all’attività sportiva di tutti nell’imminente stagione: è stato così predisposto un piano turni 2022-2023 già comunicato alle società, le quali hanno in genere dimostrato grande disponibilità e comprensione del momento particolare. Fra le novità c’è anche quella di uniformare i turni a 90 minuti ciascuno: una ottimizzazione introdotta dal servizio comunale Giovani, sport e benessere” che riceve le annuali richieste di utilizzo degli impianti da parte delle associazioni.