Che sporcizia in centro storico, perchè non lavare più spesso portici e marciapiedi?

Aimag ha affidato il lavaggio dei portici di casa nostra a una ditta specializzata: due volte l’anno gli operai lavano la pavimentazione, le colonne fino a 50 centimetri di altezza e le fioriere. Un’operazione che, su richiesta dei soci, Comune di Carpi compreso, potrebbe essere incrementata per assicurare così maggior decoro al cuore cittadino.

0
607

Il centro storico carpigiano è sporco. Basta abbassare lo sguardo sulla pavimentazione di portici e marciapiedi per rendersene conto e, complici anche le roventi temperature di questi giorni, non è raro essere investiti da un forte odore di piscio mentre si passeggia.

Pipì e deieizioni lasciano macchie antiestetiche e decisamente poco igieniche e i commercianti sono costretti quasi ogni giorno a ripulire l’area antistante i propri esercizi con litri e litri di varechina per tentare di rendere il camminamento decoroso. 

Sull’inciviltà di chi considera la pubblica via come una latrina, così come quella di coloro che possiedono animali e non si curano di raccoglierne le deiezioni poco si può fare dal momento che raramente vengono colti sul fatto e pertanto i loro comportamenti restano del tutto impuniti, ma sul fronte della pulizia invece si potrebbe agire in modo maggiormente incisivo.

Sono numerose le città nelle quali le strade vengono regolarmente lavate con una soluzione di acqua e sapone e a Carpi?

Aimag ha affidato il lavaggio dei portici di casa nostra a una ditta specializzata: due volte l’anno gli operai lavano la pavimentazione, le colonne fino a 50 centimetri di altezza e le fioriere.

Un’operazione che, su richiesta dei soci, Comune di Carpi compreso, potrebbe essere incrementata per assicurare così maggior decoro al cuore cittadino. Nel caso di angoli di strade, marciapiedi e ciclabili particolarmente insozzati invece, su segnalazione delle amministrazioni, è la municipalizzata stessa ad entrare in azione, idropulitrice alla mano. Un’opera di pulizia che sta svolgendo anche in queste ore nelle aree da cui sono stati rimossi i bidoni dedicati alla raccolta di plastica e vetro. 

In Spagna le strade le lavano ogni notte e non è raro farsi un bel pediluvio – e oltre – se non si presta attenzione. Certo non pretendiamo tanto, anche in considerazione del periodo siccitoso che stiamo vivendo, ma un poco di pulizia in più non guasterebbe.

Jessica Bianchi