La neo direttrice generale dell’Ausl parte da Carpi per incontrare professionisti, volontari e sindaci

Prima uscita ufficiale dopo la nomina da parte della Regione: tappa all’Ospedale Ramazzini per il saluto a professionisti e direttori delle unità operative, poi in Comune per il Comitato di Distretto e infine alla Casa della Salute di Rovereto di Novi per concludere il giro in una struttura del territorio.

0
652
La Direttrice Generale dell’Azienda Usl di Modena Anna Maria Petrini in visita al Ps di Carpi dove ad accoglierla c'era la dottoressa Chiara Pesci

Ha preso il via ieri, 21 giugno, con la visita nel Distretto di Carpi, il calendario di incontri che la nuova Direttrice Generale dell’Azienda Usl di Modena Anna Maria Petrini ha fissato su tutto il territorio della provincia di Modena.

La giornata è iniziata all’Ospedale Ramazzini di Carpi, dove la dottoressa Petrini, accompagnata da Stefania Ascari, Direttrice del Distretto di Carpi, e Francesco Casulli, Direttore sanitario del Ramazzini, ha potuto salutare i rappresentanti del volontariato attivo in ospedale e, a seguire, incontrare i responsabili delle varie unità operative, ringraziando per loro tramite tutte le équipe per l’impegnativo lavoro che svolgono ogni giorno con grande professionalità e senso di appartenenza. L’incontro, che si è tenuto nel cortile antistante l’ingresso principale di via Molinari, è durato circa due ore, per poi lasciare spazio a una breve visita all’interno dell’Ospedale ad alcuni tra i reparti che sono stati più esposti durante la pandemia, tra cui la Radiologia diretta dal dottor Raffaele Sansone, la Terapia Intensiva e Rianimazione di cui è responsabile il dottor Alessandro Pignatti e il Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza guidato dalla dottoressa Chiara Pesci, nel quale alcuni professionisti sono stati vittime, nelle scorse settimane, di episodi di violenza. 

Qui la DG si è intrattenuta con il personale medico, infermieristico e OSS per scambiare un primo saluto e prendere atto degli spazi e delle strumentazioni a disposizione. Dopo il pranzo, la visita alla nuovissima Centrale operativa territoriale, già completata nelle stanze del piano rialzato presso i Poliambulatori del Ramazzini: è tra le prime in Regione ad essere predisposta ed entrerà pienamente in attività con tutte le sue funzioni dopo il necessario percorso formativo per il personale.

Brevissima visita al cantiere della Casa della Salute di via Peruzzi prima della seconda tappa, il palazzo comunale di Carpi, per una riunione del Comitato di Distretto. Accolta dai sindaci dei comuni dell’Unione Terre d’argine, Alberto Bellelli (Carpi), Roberto Solomita (Soliera), Enrico Diacci (Novi) e Paola Guerzoni (Campogalliano), la dottoressa Petrini è intervenuta per ringraziare gli amministratori per il sostegno concreto alla sanità locale e la costante collaborazione. Tra i temi trattati durante la riunione, il riordino dell’assistenza territoriale, con le progettualità in essere sul Distretto anche grazie alle risorse del PNRR, e l’iter di progettazione in corso per il nuovo Ospedale di Carpi.

La giornata si è conclusa in una delle strutture sanitarie a disposizione sull’area più a nord del Distretto carpigiano, la Casa della Salute di Rovereto. La visita a questa struttura è stata fortemente voluta dalla Direttrice, che ha inteso così rendersi conto di persona del livello dell’assistenza di prossimità che l’Azienda è in grado di offrire. 

“È stata una visita proficua e molto interessante – ha dichiarato Anna Maria Petrini, Direttrice Generale Ausl – in cui è stato possibile visitare alcune delle principali realtà sanitarie al servizio dei cittadini di questo Distretto. Soprattutto, incontrare tante persone, constatando la dedizione al lavoro e la grande competenza che guida ogni azione in questo territorio, dai professionisti sanitari – provati da due anni di pandemia e ai quali va tutto il ringraziamento della direzione aziendale – ai Sindaci e ai volontari, essenza di uno straordinario tessuto sociale come quello carpigiano e modenese in generale”. 

Nei prossimi giorni la direttrice proseguirà il viaggio nel modenese per conoscere persone e realtà che compongono la rete sanitaria provinciale.