L’amicizia va oltre l’autismo e i compagni di classe organizzano una festa per Thomas e Mattia

Thomas e Mattia Agostelli, due fratelli gemelli che hanno appena terminato la classe quarta alla Scuola primaria Da Vinci, stanno per ricevere una bella sorpresa dai rispettivi compagni di classe: una festa nel parco tutta per loro come simbolo di amicizia e comprensione, per dire che l'autismo non è un ostacolo all'amore.

0
1151
Thomas e Mattia Agostelli

L’autismo per noi non è un problema e non ci impedirà di essere vostri amici. E’ questo il messaggio che i compagni di classe di Thomas e Mattia Agostelli, due fratelli gemelli di quasi 10 anni che frequentano la 4A e la 4B della Scuola primaria L. Da Vinci vogliono far sentire, con tutto il loro entusiasmo, attraverso la festa al parco Pertini di via Bollitora Interna che hanno organizzato per domenica 12 giugno.

A raccontarci questa dolce storia è la mamma dei gemelli, Marzia Esposito che ha anche un altro bimbo di due anni e mezzo, Kevin. “Quando avevano circa due anni a Mattia e Thomas è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico. Allora non c’era ancora l’associazione Sopra le righe dentro l’autismo – Onlus Carpi di cui oggi facciamo parte e inizialmente è stato difficile districarci tra le varie terapie, ma siamo sempre stati molto attenti a favorire il rapporto sociale con gli altri bambini. Inoltre, credo che in questo percorso ci abbia aiutati il nostro atteggiamento positivo e aperto. Per noi l’autismo non è mai stato qualcosa di cui vergognarsi ma una sfida da affrontare giorno dopo giorno con forza e solarità e di cui parlare apertamente”.

Oltre al grande lavoro di inclusione portato avanti negli anni da mamma Marzia e papà Antonio, anche la scuola è stata da sempre un grande ponte verso i coetanei per Thomas e Mattia.

“L’idea di questa festa – ha spiegato Marzia – è nata spontaneamente da un gruppo di bambine della classe, dopo che le insegnanti avevano fatto loro svolgere un percorso sull’autismo in occasione della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo. Dopo la lettura in classe del libro Siate gentili con le mucche. La storia di Temple Grandin di Beatrice Masini, i compagni di classe di Thomas e di Mattia hanno scritto per loro dei testi in cui hanno espresso ciò che pensano di loro. La raccolta di questi testi è diventata un libro rilegato per Thomas e un cartellone colorato per Mattia. Per noi è una grande gioia sapere che Mattia e Thomas hanno intorno tante persone che vogliono loro bene, e per questo sia io che mio marito ci teniamo tanto a ringraziare le insegnanti della scuola, comprese quelle di sostegno, tutto il personale scolastico e, ovviamente, i bambini”.

Qual è la difficoltà maggiore che incontrate quotidianamente?

“Riguarda le attività extrascolastiche. Spesso Mattia e Thomas hanno dovuto rinunciare a degli sport o altre attività di svago per mancanza di personale. Attualmente siamo legati al CSI per quanto riguarda il nuoto con un tutor che li segue con un rapporto uno ad uno, ma non tutte le realtà sportive sono attrezzate in questo senso. Anche per l’iscrizione al centro estivo di quest’anno abbiamo avuto qualche difficoltà per il reperimento delle educatrici. Il nostro sogno da genitori è che in futuro possano avere le stesse possibilità di tutti gli altri bambini e ragazzi”.

Chiara Sorrentino