Due settimane immersi nella lingua inglese con il Victoria English Summer Camp alle Collodi

Dal 6 al 17 giugno, presso la scuola primaria Collodi in via Bortolamasi n°22, si terrà l'English Summer Camp con counsellors madrelingua e bilingue dell'associazione culturale Victoria Language & Culture. Due settimane di immersione totale linguistica e culturale per bambini dai 6 ai 12 anni.

0
343

“I nostri Summer Camp – spiega Chiara Ghizzoni, coordinatrice di programma del Victoria English Summer Camp, danno l’opportunità ai bambini e ai ragazzi dai 6 ai 12 anni di vivere un’esperienza di camp in stile americano al termine dell’anno scolastico”.

Il campo estivo si svolge interamente in lingua inglese?

“Sì, tutto si svolge interamente in lingua inglese; non solo le specifiche attività, i laboratori, i giochi, lo sport, ma anche l’accoglienza e i rituali per iniziare e terminare la giornata che è sempre scandita da canzoni, cheers (saluti)… I nostri English Summer Camp si basano, infatti, sulla filosofia del Learning by Doing (Imparare facendo) e sulla Rule of Forgetting (Regola del dimenticare) che aiutano i bambini a migliorare l’inglese utilizzandolo in modo divertente e istintivo. Inoltre, temi e argomenti vengono affrontati e sviluppati dal punto di vista disciplinare secondo il CLIL, approccio all’avanguardia che permette di potenziare l’apprendimento della lingua straniera utilizzandola come veicolo per altri contenuti”.

In base alla vostra esperienza come vivono i bambini questo approccio immersivo e quali sono le reazioni che riscontrate?

“L’incontro con l’inglese, l’esposizione alla lingua e l’immersione nella stessa avvengono con naturalezza, grazie alla collaborazione con i counsellors madrelingua, che si prendono cura dei bambini, diretti dal personale di Victoria Language & Culture. I counsellors sono giovani preparati, desiderosi di divertirsi insieme ai bambini e di dare loro un essenziale contributo non solo linguistico, ma anche culturale e umano.  La loro presenza predispone all’accoglienza di chiunque voglia imparare l’inglese, in un contesto amichevole e internazionale. I bambini, anche quelli più piccoli, si trovano stimolati e rassicurati grazie alla guida dei counsellors che cercano strade alternative, come disegni e gesti, per farsi capire e, già dopo il primo giorno, tornano a casa con un bagaglio di nuovi termini e nuove espressioni che hanno imparato, oppure canticchiano le nostre canzoni”.

Ogni anno per l’English Summer Camp vi ispirate a un tema in particolare. Quale sarà quello di quest’anno?

“Quest’anno per tutte le nostre attività di canto, danza e teatro ci ispiriamo al film musical The Greatest Showman. Per l’organizzazione dei nostri campi estivi iniziamo a prepararci già dall’anno prima per offrire ai bambini e ragazzi che partecipano la migliore esperienza possibile”.

Chiara Sorrentino