Si rafforza la rete di Unione non Spreca per supportare più di 300 famiglie

“Le persone e le famiglie in transitoria situazione di disagio e fragilità - dichiara Roberto Zanoli, direttore della Cooperativa Eortè - non sono persone esterne alla comunità ma parte di essa; e il nostro sforzo è quello di costruire una società accogliente che sappia restituire la dignità perduta e assicurare l'inclusione sociale”.

0
238

Unione non Spreca è la realizzazione di un percorso comune di co-programmazione tra l’Unione delle Terre d’Argine e le Cooperative Eortè di Soliera (Capofila) , il Mantello di Carpi, le associazioni Porta Aperta Carpi, Quinta Zona di Novi, il Circolo Anspi Sassola di Campogalliano.

Il progetto, presentato il 16 maggio alla Casa del Volontariato, alla presenza degli assessori Tamara Calzolari di Carpi e Lucio Saltini di Soliera è finalizzato a sostenere le persone e le famiglie, residenti nell’Unione delle Terre d’Argine, nel momento in cui si trovano in una transitoria situazione di disagio economico. L’obiettivo è quello di supportarle nella ricerca di un equilibrio per ripartire in modo autonomo: a questo scopo sono messi a disposizione beni e servizi messi all’interno del Social Market Il Pane e le Rose di Soliera, della Bottega Solidale Cibúm di Carpi (che verrà inaugurata il 27 maggio) e dai centri di ascolto e distribuzione di Campogalliano e Novi.

Il Progetto sostiene le fragilità e affianca le persone affinché raggiungano una maggiore autonomia attraverso l’offerta di beni primari e un supporto personalizzato attivando risposte  idonee, inclusive e innovative alle singole situazioni di disagio. Un percorso di comunità che, oltre a farsi carico delle situazioni di disagio, intende sperimentarsi e formarsi nella cultura del non spreco, del dono, della solidarietà, dell’accoglienza.

I beneficiari, nei tre anni della durata del progetto (2022 – 2024), saranno 371 nuclei familiari  per un totale di circa 1.230 persone.

“La forza di questa iniziativa – dichiara Roberto Zanoli, direttore della Cooperativa Eortè – è la rete costituita: una rete inclusiva e aperta a tutti coloro che desiderano condividerne gli obiettivi. Le persone e le famiglie in transitoria situazione di disagio e fragilità non sono persone esterne alla comunità ma parte di essa; e il nostro sforzo è quello di costruire una società accogliente che sappia restituire la dignità perduta e assicurare l’inclusione sociale”.