La 5B delle Rodari conquista la fiducia del Senato

Difendiamo il tricolore e avremo un’Italia migliore. E’ questo il titolo del disegno di legge ideato dai bimbi della 5B della Scuola primaria G. Rodari e che ha fatto conquistare loro un risultato a dir poco prestigioso. Gli alunni, infatti, unitamente alla dirigente Chiara Penso, alla sua vice Miriam Dazzi e alle docenti Simona Reggiani e Raffaella Sacchitelli, il prossimo 2 maggio si recheranno a Roma, in Senato per ritirare una targa quale riconoscimento del loro prezioso lavoro.

0
809

Difendiamo il tricolore e avremo un’Italia migliore. E’ questo il titolo del disegno di legge ideato dai bimbi della 5B della Scuola primaria G. Rodari e che ha fatto conquistare loro un risultato a dir poco prestigioso. Gli alunni, infatti, unitamente alla dirigente Chiara Penso, alla sua vice Miriam Dazzi e alle docenti Simona Reggiani e Raffaella Sacchitelli, il prossimo 2 maggio si recheranno a Roma, in Senato per ritirare una targa quale riconoscimento del loro prezioso lavoro. 

“Tutte le classi della scuola – spiega la referente del progetto, Sacchitelli – hanno lavorato sulla Costituzione Italiana, declinando il tema Regole, memoria e Costituzione in modo autonomo e differente, a partire dai testi de La Costituzione raccontata ai bambini di Anna Sarfatti. I bimbi hanno prodotto elaborati di grande sensibilità e, in particolare, quelli di 5B hanno deciso di andare oltre, partecipando anche al concorso Vorrei una legge che… indetto dal Senato della Repubblica, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione”.

Desiderosi di capire come si diventa cittadini, i piccoli alunni, attraverso percorsi multidisciplinari, hanno scoperto termini quali democrazia e rispetto e li hanno sperimentati nel quotidiano della classe, comprendendo concretamente l’importanza delle regole, della convivenza civile, della partecipazione democratica e della solidarietà.

“Il concorso – continua Raffaella Sacchitelli – chiedeva ai partecipanti di scrivere di proprio pugno un disegno di legge e di stilare cinque articoli. Avendo la nostra classe lavorato sul tricolore, anche attraverso una visita virtuale al Museo del tricolore di Reggio Emilia abbiamo deciso che quello sarebbe stato il fulcro su cui concentrarci. Gli alunni oltre a creare un elaborato cartaceo hanno anche prodotto uno storytelling digitale, avvalendosi di vari programmi e applicativi legati alla didattica, a partire da Scratch”. 

Il lavoro è stato inviato lo scorso 9 febbraio e il 31 marzo il Senato ha decretato la 5B tra la decina di classi italiane vincitrici. “La Commissione di valutazione – si legge nella comunicazione pervenuta alle Rodari – ha particolarmente apprezzato il lavoro svolto, portato a termine nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria, ed esprime i più sentiti complimenti per l’entusiasmo e la dedizione con cui i ragazzi, attentamente indirizzati dai docenti, hanno seguito questo percorso formativo volto a far cogliere ai giovani l’importanza delle leggi, delle funzioni del Parlamento e del confronto democratico”. Il 2 maggio la delegazione, spesata dal Senato, oltre a visitare Palazzo Madama riceverà una targa per premiare l’impegno e la dedizione di questi 24 bimbi i quali attraverso il loro lavoro hanno ribadito, ancora una volta, come il tricolore debba essere difeso con forza sin da piccoli.

Jessica Bianchi