Area boscata a rischio

Sono marchiati di arancione, un presagio che non lascia certo ben sperare. Stiamo parlando di una decina di alberi presenti nell’area boscata a ridosso degli orti di via Baden Powell e del nascente Parco della Cappuccina. Il problema però va ben oltre: basta dare un’occhiata intorno per rendersi conto che numerosi esemplari versano in altrettante pessime condizioni.

0
1006

Sono marchiati di arancione, un presagio che non lascia certo ben sperare. Stiamo parlando di una decina di alberi presenti nell’area boscata a ridosso degli orti di via Baden Powell e del nascente Parco della Cappuccina. 

Gli alberi non godono di buona salute, alcuni sono spezzati e altri appaiono secchi, e pertanto “sono attenzionati” spiega l’assessore al Verde, Andrea Artioli, il quale assicura che, nel caso in cui dovessero essere abbattuti, “verranno prontamente rimpiazzati con altri esemplari”. 

Il problema però va ben oltre: basta dare un’occhiata intorno per rendersi conto che numerosi esemplari versano in altrettante pessime condizioni. 

Dopo la meritoria operazione di pulizia fatta da alcuni ambientalisti lo scorso anno, impegnati per mesi nel rimuovere il fitto strato di edera che si arrampicava sui tronchi, ora lo stato di salute di molti alberi è sotto gli occhi di tutti. 

L’edera infatti per anni si è inerpicata sui tronchi, impendendo in alcuni casi lo sviluppo della chioma e, di fatto, non dando alla pianta la possibilità di vegetare e, di conseguenza, di respirare. Gli effetti di questo soffocamento sono oggi ben visibili: molte piante si presentano come lunghi ed esili stuzzicadenti che si ergono verso il cielo, pressoché privi di rami e di foglie nonostante l’attuale risveglio vegetativo. 

Le aree boscate, si sa, non vengono sottoposte a nessun tipo di manutenzione ordinaria da parte del Comune e quindi la robustissima edera, malgrado l’impegno dei volontari, crescerà nuovamente, provocando ulteriori danni. 

Non è dunque inverosimile pensare che alla decina di esemplari già definiti “a rischio” ve ne siano numerosi altri che a breve ne seguiranno il destino. Il risultato? Addio area boscata, almeno per i prossimi dieci anni…

Jessica Bianchi