Daniele Arletti è il nuovo Presidente del Club Giardino di Carpi

La squadra di Arletti, che prende le consegne da Carlo Camocardi, è composta dalla Vice Presidente Giulia Ortolano, anche nel ruolo di Tesoriere, e dai Consiglieri Emanuele Pettenati, Angelo Sacchetti, Stefania Camurri, Alberto Sacchetti, Andrea Ghizzoni, Federico Leporati, Giovanni Taurasi, Massimo Rustichelli ed Enrico Testi.

0
5280

Carpigiano, classe 1973, sposato con tre figli, agente di commercio: è Daniele Arletti il nuovo Presidente del Club Giardino, tra i più longevi club privati del territorio, primo per numero di famiglie associate – 550 – con una storia che risale al 1971.

La squadra di Arletti, che prende le consegne da Carlo Camocardi, è composta dalla Vice Presidente Giulia Ortolano, anche nel ruolo di Tesoriere, e dai Consiglieri Emanuele Pettenati, Angelo Sacchetti, Stefania Camurri, Alberto Sacchetti, Andrea Ghizzoni, Federico Leporati, Giovanni Taurasi, Massimo Rustichelli ed Enrico Testi.

Revisori dei conti Rina Lugli e Roberto Andreoli, Giudice di 1^ istanza Marco Vezzani, mentre il Collegio dei probiviri è composto da Fabio Righi, Giuseppe Gualdi e Roberto Bulgarelli.

Socio sin da bambino insieme alla famiglia di nascita, il neo Presidente era già membro del precedente CdA, nel Club ha sempre militato nelle squadre del tennis, disciplina di cui è stato responsabile, contribuendo a organizzare e promuovere numerosi tornei e competizioni.

Questo il commento del neo Presidente: “Ringrazio tutti i Soci che hanno voluto accordarmi la loro fiducia, così come Carlo Camocardi e il precedente Consiglio per il lavoro svolto. Per me, che amo il Club Giardino e lo sento davvero come una seconda casa, questo incarico rappresenta un grande onore e, insieme, una responsabilità, che sarà quella di onorare il mio mandato e contribuire a mantenere la fama del Giardino al livello che ha conquistato e che merita. Mi sono messo in gioco con emozione e determinazione, e guardo al triennio che abbiamo davanti con coraggio, con un CdA chiamato a sviluppare i temi di interesse per i Soci, con attenzione assoluta sia alla sostenibilità dei costi che alla condivisione delle scelte. I primi appuntamenti che ci aspettano sono quelli per festeggiare le 50 candeline del Club, e organizzeremo tutto al meglio delle nostre possibilità”.