Nonno Pep apre nell’ex Cinema Capitol

Nonno Pep si rinnova e apre in una location tutta nuova. L’inaugurazione è venerdì 25 febbraio, alle 18: il locale si sposta di qualche metro, andando a occupare il vecchio ingresso del Cinema Capitol di Corso Cabassi. Tante le novità in arrivo tra cui la collaborazione con il re della ciccia, Dario Cecchini.

0
1360
Marco Di Nardo

Là dove c’era il Cinema Capitol ora ci sarà Nonno Pep! Il locale, che inaugura ufficialmente venerdì 25 febbraio, alle 18, si sposta di qualche metro, andando a occupare il vecchio ingresso del cinema, affacciato su Corso Cabassi. Nuova location per il titolare del pub, Marco Di Nardo, e tante novità in arrivo: “questo è uno spazio storico a cui mi sono avvicinato con rispetto. Il mio desiderio, infatti, è sempre stato quello di preservarne il più possibile l’atmosfera, creando un luogo capace di coniugare il piacere della buona tavola alla cultura. Spero di esserci riuscito”. 

Un dettaglio del nuovo locale

Il locale sorgerà sulle ceneri del vecchio foyer e di un pezzo dell’ex sala cinematografica: “accanto al mio primo amore, ovvero la birra artigianale, affiancherò dei vini naturali, mentre in tavola, grazie a chef Lorenza, ovvero mia moglie, verranno serviti piatti regionali tipici. Partiremo con un tocco di Abruzzo, presentando dei piatti in cui la pecora sarà protagonista. Le nostre parole d’ordine sono studio, ricerca e materie prime di qualità”. E che lo standard sia altissimo lo dimostra anche la collaborazione che Marco ha stretto col re della ciccia in persona, ovvero uno dei macellai più amati e famosi del Belpaese, Dario Cecchini: “sarà lui a rifornirci di carne per offrire ai nostri clienti il top. Ne sono davvero orgoglioso”, sorride Di Nardo. L’inaugurazione sarà semplice anche a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia ma, assicurano Marco e Lorenza, “a primavera inoltrata organizzeremo certamente una festa per condividere con la cittadinanza la nostra gioia e il nostro entusiasmo per questa nuova e avvincente avventura”.

Tra queste storiche mura poi, la cultura tornerà a fiorire: “vogliamo organizzare momenti musicali, mostre, improvvisazione teatrale, piccole rassegne cinematografiche, letture di libri… Abbiamo avviato un dialogo col Cinema Eden per avere delle locandine con cui arredare i nostri spazi. Un modo per onorare il passato di questo luogo”, conclude Marco Di Nardo. 

Jessica Bianchi