L’Ausl di Modena interviene sul “caso Migliarina”: bene l’ambulatorio di infermieristica

Come da normativa regionale, l’Ausl di Modena continuerà a riproporre la pubblicazione delle zone carenti, a Migliarina di Carpi come in altre aree della provincia, in vista di un’eventuale disponibilità da parte di un Medico di Medicina Generale. Intanto è positivo il bilancio del primo mese di attività dell’ambulatorio di Infermieristica di Comunità a Migliarina.

0
422

È positivo il bilancio del primo mese di attività dell’ambulatorio di Infermieristica di Comunità a Migliarina. Il presidio sanitario, che ha aperto i battenti a inizio gennaio, si sta integrando bene nel tessuto sociale della frazione, avviando le prime prese in carico di pazienti con bisogni complessi e fungendo da punto di riferimento anche per soddisfare necessità informative o di orientamento per altri servizi sanitari. 

Il progetto, che l’Azienda USL di Modena ha avviato in alcuni territori per poi estenderlo ad altre realtà territoriali provinciali, sta dunque proseguendo come da programma, condiviso con l’Ente Locale e le rappresentanze dei cittadini.

A seguito del pensionamento del dott. Montanari, oggi tutti i residenti hanno proceduto alla scelta di uno dei Medici di famiglia operanti a Carpi, con i quali l’Infermiere di Comunità di Migliarina è in stretto contatto per la presa in carico integrata dei pazienti fragili cronici. In questa fase resta altresì garantita la continuità assistenziale dei pazienti assistiti dal dottor Marcel Somo, medico di guardia medica e figura fondamentale nel passaggio tra il pensionamento del dottor Montanari e la nuova scelta di un altro medico di famiglia con il supporto degli Infermieri di Comunità. 

“Colgo l’occasione per ringraziare personalmente e a nome dell’Azienda il dottor Somo – afferma Stefania Ascari, Direttore del Distretto di Carpi –, per la grande disponibilità dimostrata e per la professionalità messa in campo a favore dei cittadini di questo territorio. La collaborazione con lui e con i Medici di Medicina Generale che assistono i residenti nella frazione prosegue, con il valore aggiunto rappresentato dall’Infermiere di Comunità, importante presidio sanitario territoriale. Andiamo avanti con la progettualità condivisa: lo sforzo organizzativo sta portando i suoi frutti e, con la collaborazione di tutti i cittadini della frazione, potrà diventare un’esperienza di prossimità da esportare in altre realtà”.

Tra le attività dell’ambulatorio di Infermieristica di Comunità, indicato dal Piano Nazionale Ripresa e Resilienza 2021, rientrano gli interventi di medicina di iniziativa previsti dal Piano Assistenziale Individuale, come ad esempio l’educazione terapeutica sui corretti stili di vita, la facilitazione alla programmazione dei controlli e l’utilizzo di strumenti di telemedicina. Tutti i progetti sono strettamente condivisi con i Medici di Famiglia del territorio così da creare elementi di continuità e di opportunità.

Come da normativa regionale, l’Ausl di Modena continuerà a riproporre la pubblicazione delle zone carenti, a Migliarina di Carpi come in altre aree della provincia, in vista di un’eventuale disponibilità da parte di un Medico di Medicina Generale.