Apre un conto in banca con documenti falsi: 48enne finisce nei guai

Un uomo di 48 anni è finito nei guai ed è stato denunciato dalla Polizia di Stato per i reati di sostituzione di persona e tentata truffa.

0
767

Un uomo di 48 anni è finito nei guai ed è stato denunciato dalla Polizia di Stato per i reati di sostituzione di persona e tentata truffa. L’attività di indagine è scaturita dalla denuncia del direttore della filiale di un istituto di credito a Carpi relativa a un soggetto ignoto, sospettato di essere riuscito a farsi aprire un conto corrente con documenti falsi,  intestati in realtà a un’altra persona ignara di tutto.

Gli investigatori, al termine di accurate indagini, sono riusciti a identificare l’autore e a evitare gravi conseguenze e truffe a terzi. 

Oltre alle tecniche investigative tradizionali, gli agenti hanno fatto ricorso al sistema di riconoscimento immagini di ultima generazione, denominato S.A.R.I., di supporto all’attività degli uffici investigativi. Attraverso un sofisticato processo di algoritmi, il software ha consentito di associare l’immagine dell’individuo allo stato sconosciuto, ai volti già inseriti nelle banche dati della polizia.