Dura presa di posizione di Bellelli sugli striscioni no vax

“Oggi abbiamo un'arma per sconfiggere il virus e tornare a una vita normale, i vaccini” ha affermato il primo cittadino Alberto Bellelli dopo il blitz dei no vax che hanno appeso striscioni ai lampioni di Piazza Martiri

0
1652

Hanno agito nella notte gli estremisti no vax che hanno issato sui lampioni di piazza Martiri striscioni con  palloncini: “i vax uccidono” e “Gp, nazismo”, questi i messaggi firmati in calce dal gruppo: i “Vivi”, l’ organizzazione paramilitare che si è resa protagonista di più blitz analoghi in tutta Italia e finita già al centro di inchieste di diverse procure della Repubblica.
Una pattuglia della polizia locale, intervenuta ieri sul posto, ha tolto palloncini e striscioni.
Da subito sono iniziate le indagini per risalire a chi ha compiuto il gesto: si stanno scandagliando le telecamere per analizzare il contenuto dei video e capire chi si è spinto, in pieno centro, a issare gli striscioni.
Dura presa di posizione del Sindaco Bellelli in merito alla bravata di ieri dei NoVax. “Paragonare il greenpass al nazismo è semplicemente da ignoranti, perché vuol dire che non si sa di cosa si sta parlando. I nazisti hanno sterminato milioni di essere umani semplicemente perché di fede, colore e cultura diversa, lo hanno fatto con metodi abominevoli.Oggi i reparti covid e le terapie intensive sono piene di novax, molti dei quali venuti a conoscenza diretta di cosa sia il covid si pentono delle loro posizioni. Oggi abbiamo un’arma per sconfiggere il virus e tornare a una vita normale, i vaccini, e io sono favorevole pure all’obbligo vaccinale, perché solo con una copertura totale della popolazione possiamo proteggere i più deboli da questo virus vigliacco.

Nei giorni scorsi ho contattato Ausl per chiedere di risolvere una serie di problemi legati alla logistica dell’Hub vaccinale. In tale occasione mi è stato comunicato che vengono effettuati più di 1000 vaccini al giorno. Si tratta di un risultato importante ottenuto grazie allo sforzo di tanti operatori e volontari a cui si aggiunge l’alto senso civico della nostra comunità. Penso sia la risposta migliore a queste provocazioni”.