Per le famiglie in difficoltà sono in arrivo fondi per lo sport dei figli

Fino a 150 euro di contributo per la fascia 6-18 anni.

0
796

Oltre 19mila euro per favorire l’attività sportiva di ragazzi con famiglie in difficoltà economica: li stanzia la Giunta comunale, rilanciando il progetto Social sport che s’era fermato nel 2020 causa pandemia.

Il bando, in uscita a giorni, prevederà l’assegnazione di un buono per coprire i costi d’iscrizione a corsi, attività e campionati organizzati da associazioni e società sportive, per la fascia da 6 a 18 anni, nonché fino a 26 anni se giovani con disabilità. Altri requisiti per far domanda sono la residenza nel Comune di Carpi e un Isee familiare fino a 18mila euro.

Il contributo, che potrà arrivare fino a 150 euro a ragazzo e 300 a famiglia, viene concesso per iscrivere il ragazzo a una associazione o società sportiva dilettantistica iscritta al Registro CONI e al Registro Parallelo CIP, per la partecipazione ai campionati organizzati dalle rispettive Federazioni o Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI, o ai corsi e alle attività sportive organizzate dalle stesse associazioni e società.

Il bando che stanzia i 19.400 euro preciserà le modalità e il periodo entro cui fare domanda, che avverrà in forma telematica sul sito Internet del Comune; il buono sarà liquidato direttamente alla famiglia.

“Il progetto Social Sport – commenta l’assessore Andrea Artioli – integra le politiche sociali già attivate da questa Amministrazione, e ha un doppio scopo: ampliare le opportunità di fare sport per ragazze e ragazzi di famiglie a reddito basso, e garantire alle famiglie colpite dalla crisi causata dalla-pandemia, la possibilità di far proseguire la pratica motoria-sportiva ai propri figli, al di fuori dell’orario scolastico. Indirettamente, è anche una forma di sostegno alle associazioni e società del settore, a loro volta colpite dall’emergenza sanitaria, realtà del territorio che collaborano con noi e la Consulta comunale dello Sport a promuovere il progetto stesso.