I ‘furbetti’ del Drive Through

E’ evidente che chi non possiede un’auto non può fare altrimenti ma non è sfuggito anche all’occhio attento degli operatori sanitari che c’è chi parcheggia l’auto in prossimità del Drive Through e poi si avvicina a piedi per evitare la lunga attesa a bordo della propria auto.

0
2136

Centinaia di auto in coda al Drive Through di Carpi questa mattina con la lunga fila che arriva ad intralciare la viabilità ordinaria all’altezza della nuova rotonda tra via dell’Industria e via della Chimica. Le vetture in coda ostacolano la circolazione dei camion diretti all’autostrada. Per regolare il traffico è intervenuta sul posto la Polizia Locale di Carpi.

“Sono in fila da stamattina – scrive una mamma – alle 8.30 al drive through di Carpi. In auto ho un ragazzino che deve fare in tampone perché un compagno di classe è risultato positivo. Siamo qui da quasi 3 ore e da 40 minuti completamente fermi. Non è possibile un disservizio del genere. Abbiamo entrambi bisogno del bagno, ma non c’è la possibilità e non sappiamo neppure quanto tempo ci vorrà ancora… Mi domando, visto il numero sempre più elevato di persone che si devono sottoporre al tampone, non sarebbe meglio aprire un’altro centro?Organizzarsi meglio? Allestire bagni?”

Mentre gli automobilisti procedono a passo d’uomo costretti ad affrontare lunghe attese per arrivare al Drive Through di Carpi in via dell’Agricoltura, c’è chi a piedi e in bici li precede e senza pudore accede alla postazione per sottoporsi al tampone. La segnalazione è di un automobilista in coda al drive through di Carpi per sottoporsi al tampone molecolare. “Non sono riuscita a fare di meglio con la foto ma mentre io da un paio d’ore ero in fila come tutte le altre auto mi hanno sorpassato pedoni e ciclisti che sono entrati e si sono sottoposti al tampone molecolare”.

E’ evidente che chi non possiede un’auto non può fare altrimenti ma non è sfuggito anche all’occhio attento degli operatori sanitari che c’è chi parcheggia l’auto in prossimità del Drive Through e poi si avvicina a piedi per evitare la lunga attesa a bordo della propria auto.

Sono i ‘furbetti’ che non mancano mai quando si tratta di fare la fila. Il personale Ausl è impegnato nella gestione del Drive Through e non può effettuare anche i controlli all’esterno della struttura. L’Ausl precisa che chi entra a piedi o in bici non ha accesso diretto alla postazione ma deve comunque attendere il proprio turno che scatta dopo che sono state sottoposte a test almeno tre vetture.