Cercano di vendere una bici da corsa rubata, identificati dai Carabinieri

Si tratta di un ventenne e di un diciassettenne denunciati alla Procura della Repubblica di Modena per il reato di ricettazione. Dei due, il più grande, che aveva usato violenza contro uno dei militari operanti per tentare di guadagnare la fuga, è stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale.

0
982

Quella bicicletta così costosa, in fibra di carbonio, del valore di più di tremila euro, era stata rubata all’interno di un appartamento di Mirandola qualche giorno fa. Il proprietario, un ragazzo del posto, non si era però affatto rassegnato e si era messo alla ricerca del suo mezzo navigando in tutti i siti di compravendita online, fino a quando non l’ha trovata. Fissa un appuntamento con il venditore per le prime ore del pomeriggio di ieri nel Parco delle Rimembranze di Carpi, avvertendo i Carabinieri che si attivano immediatamente. Il ragazzo si siede su una panchina, in attesa di essere avvicinato, mentre alcuni militari in borghese osservano a distanza. D’un tratto si avvicinano due suoi coetanei con la bicicletta. I militari intervengono e i due cercano di scappare ma vengono subito raggiunti e bloccati anche grazie al pronto ausilio dei colleghi in uniforme. Si tratta di un ventenne e di un diciassettenne denunciati alla Procura della Repubblica di Modena per il reato di ricettazione. Dei due, il più grande, che aveva usato violenza contro uno dei militari operanti per tentare di guadagnare la fuga, è stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale.