In Piazza Martiri esposti i cartelli per Zaki e Regeni

Dalle finestre della sede carpigiana di Ho avuto sete sono stati esposti i cartelli in occasione del Festival Filosofia: “riteniamo importante e necessario destare nuovamente le coscienze su tali tematiche, in concomitanza con l'avvio del processo a Patrick Zaki davanti alle Corti egiziane”.

0
491

Sarà organizzato un flash mob, come momento di condivisione e riflessione, in Piazza dei Martiri a Carpi invitando studenti e amici di Patrick Zaki dell’Università di Bologna “per ricordarlo, insieme a Giulio Regeni, con tutte le persone e le altre organizzazioni che si vorranno unire a questa iniziativa. Nel frattempo siamo lieti di poter esporre alle finestre della nostra sede carpigiana i cartelli – per richiedere Verità per Giulio Regeni e Libertà per Patrick Zaki – durante la programmazione del festivalfilosofia che avendo a tema “libertà” si associa perfettamente all’opera di sensibilizzazione che stiamo promuovendo”. È l’Organizzazione di Volontariato Ho avuto sete a promuovere l’iniziativa per “destare nuovamente le coscienze su tali tematiche, in concomitanza con l’avvio del processo a Patrick Zaki davanti alle Corti egiziane”.

L’Organizzazione di Volontariato Ho avuto sete è impegnata, dal 2012, nella realizzazione di progetti umanitari in vari Paesi del mondo ed eventi culturali che hanno, come valore fondante, la promozione e la tutela dei diritti umani.

Nel barbaro assassinio di Giulio Regeni e nell’assurda detenzione di Patrick Zaki i diritti fondamentali di questi due giovani, alla vita e alla libertà personale, sono stati tragicamente violati. Ciò dimostra quanto le società contemporanee debbano crescere nella consapevolezza e nella difesa dei diritti fondamentali ed universali spettanti ad ogni essere umano.

A tal fine, nel dicembre 2018, Ho avuto sete ha promosso un incontro pubblico a Modena con l’avv. Alessandra Ballerini, legale della famiglia Regeni, sul tema “Verità è pace, verità per Giulio Regeni” per sensibilizzare l’opinione pubblica modenese e onorare la memoria del giovane ricercatore.