Buondomani ha organizzato un happening solidale per donare una nuova ambulanza all’ospedale

Sabato 11 settembre presso il Circolo Rinascita di Budrione si è svolta una cena di beneficenza destinata a donare un nuovo mezzo di soccorso alla città di Carpi, un sogno che il presidente di Buondomani Aps, Marco Borsari, nutre da tempo e che si è fatto più vivo dopo aver dovuto fare i conti con l’infezione da Covid nel marzo 2020.

0
531

Sabato 11 settembre presso il Circolo Rinascita di Budrione si è svolta una cena di beneficenza destinata a donare un nuovo mezzo di soccorso alla città di Carpi, un sogno che il presidente di Buondomani Aps, Marco Borsari, nutre da tempo e che si è fatto più vivo dopo aver dovuto fare i conti con l’infezione da Covid nel marzo 2020.

“Da sempre sogno di poter fare qualcosa d’importante per la nostra città e dopo i giorni passati in ospedale a causa del virus, ho capito ancor di più l’importanza che hanno medici, infermieri e operatori sanitari”. Marco infatti una volta dimesso ha scritto un libro/diario dal titolo Ce l’ho fatta e lo racconto.

Alla cena erano presenti circa 130 ospiti tra cui La strana Coppia di Radio Bruno e il cantautore Davide Turci; intervenuti anche l’assessore Andrea Artioli e il coordinatore del Team Enjoy, Davide Nostrini con cui l’associazione carpigiana durante la pandemia ha iniziato una collaborazione per i progetti pediatrici.

Durante la serata Sandro Damura ed Enrico Gualdi hanno intrattenuto gli ospiti tra scherzi e battute in un piacevole clima famigliare.

Importante è stata anche la testimonianza della dottoressa Chiara Pesci, primario del Pronto Soccorso di Carpi, che ha ripercorso i giorni più duri della pandemia, la lotta nelle corsie e ha raccontato dei momenti vissuti con Marco come paziente.

“E’ bello pensare dopo tanto tempo di rimettersi in gioco per la propria comunità e poter finalmente ritrovarsi per uno scopo importante. Voglio ringraziare con forza tutti i volontari dell’associazione e del circolo, ma in particolare vorrei ringraziare mia moglie Dolores per tutto il sostegno che mi ha dato. Questo è ovviamente solo l’inizio, ma insieme alla rete delle associazioni, ai privati e alle istituzioni si potrà di certo raggiungere l’obiettivo prefissato”, ha concluso Borsari.