Scuole aperte d’estate, alle Collodi si impara l’inglese

Grazie ai fondi del Miur cinquanta bambini, dalla prima elementare alla seconda media, hanno potuto frequentare gratuitamente il Summer Camp durante la prima settimana dal 28 giugno al 2 luglio e altrettanti nella settimana successiva.

0
1411

Il Piano Scuola Estate approntato dal Miur, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca intendeva supportare le scuole nell’organizzazione e nella gestione di iniziative per rinforzare e potenziare le competenze disciplinari e relazionali di alunne e alunni per recuperare la socialità almeno in parte perduta e accompagnarli al nuovo anno scolastico. Al Comprensivo Carpi 3 hanno preso sul serio l’invito del Ministro Patrizio Bianchi e coi fondi stanziati dal Miur è stata data la possibilità a cento bambini “di riattivare reti di relazione, uscire serenamente dal periodo della pandemia e partecipare ad attività in presenza insieme ad altri bambini” spiega la referente Rossella Cestari, insegnante della Scuola Primaria Collodi.

L’area verde della scuola Collodi in via Bortolamasi ospita ogni anno il Summer Camp del Victoria Language and Culture e, proprio grazie alla consolidata collaborazione è stato possibile proporre ai bambini del territorio l’esperienza di un centro estivo significativo dal punto di vista relazionale e inclusivo.

Grazie ai fondi del Miur cinquanta bambini, dalla prima elementare alla seconda media, hanno potuto frequentare gratuitamente il Summer Camp durante la prima settimana dal 28 giugno al 2 luglio e altrettanti nella settimana successiva.

“L’impostazione del Summer Camp del Victoria e l’offerta formativa veicolata attraverso la lingua inglese con attività ludiche ma anche specifiche mirate all’inclusione sono gli elementi fondamentali condivisi dall’istituzione scolastica. Abbiamo finalità che si incrociano” precisa Cestari.

Con la pandemia c’è stato un impoverimento complessivo delle famiglie e certe esperienze sono precluse a tanti bambini che hanno bisogno di relazione e inclusione, “Siamo pronti a ripetere l’iniziativa, nella speranza che essa possa trovare spazio tra le attività ufficiali di recupero, rinforzo e potenziamento formativo del Comprensivo Carpi 3” conclude Cestari.

S.G.