Genitori protagonisti al Convitto Corso di Correggio

E’ nato il Comitato Genitori del Polo Professionale del Convitto Nazionale Rinaldo Corso di Correggio. L’obiettivo? Fungere da collegamento tra le famiglie e l’Istituto, proporre iniziative di raccolta fondi, individuare eventuali criticità e lanciare stimoli, in un’ottica di reciproca e proficua collaborazione. “Ci siamo appena costituiti - commentano i componenti del Comitato - pertanto siamo aperti a qualsiasi suggerimento e auspichiamo che molti altri genitori aderiscano”.

0
742

Sono numerosi gli studenti del Convitto Rinaldo Corso di Correggio – che riunisce una Scuola primaria, una Scuola secondaria di I grado e un Istituto professionale con tre indirizzi differenti, ovvero Agraria, Alberghiero e Meccanica – provenienti dalla provincia di Modena e da Carpi in particolare. Ragazzi che da quest’anno potranno contare anche sul prezioso apporto di numerosi genitori messisi a disposizione della scuola per promuovere iniziative in un’ottica di collaborazione e scambio reciproco. Un ponte, quello tra scuola e famiglia, fondamentale per accrescere il buon funzionamento dell’ambiente scolastico e che per il Convitto rappresenta una importante novità.

L’organizzazione dei Convitti, realtà sempre meno diffuse nel nostro Paese, è molto diversa rispetto alle altre scuole e si fonda su un Consiglio di Amministrazione composto da un dirigente, due delegati nominati l’uno dal consiglio provinciale e l’altro dal consiglio comunale del luogo dove ha sede l’istituto, due membri nominati dal Ministro della Pubblica Istruzione e da un funzionario dell’Amministrazione finanziaria. 

Un organo a cui non può essere affiancato un Consiglio d’Istituto che riunisca una componente dei genitori e degli studenti. A febbraio però i genitori rappresentanti di classe hanno deciso di riempire questo vuoto e, unendo le forze, il 23 marzo, hanno costituto il Comitato Genitori del Polo Professionale del Convitto Nazionale Rinaldo Corso di Correggio, il cui desiderio è quello di incontrare al più presto il CdA e il Commissario Straordinario delle scuole annesse, dotandosi di uno statuto. L’obiettivo? Fungere da collegamento tra le famiglie e l’Istituto, proporre iniziative di raccolta fondi, individuare eventuali criticità e lanciare stimoli, in un’ottica di reciproca e proficua collaborazione. Al momento il Comitato, la cui nascita è stata accolta favorevolmente anche dalla dirigente scolastica Rossella Marra, riunisce una trentina di genitori ma tutti coloro che vorranno aderire e dare una mano saranno i benvenuti. Numerose le idee del Comitato, che vuol diventare parte sempre più attiva e propositiva nella vita della scuola, a partire dalla creazione di un sito in grado di far circolare suggestioni e proposte e dove istituire, ad esempio, un mercato dei libri usati e delle divise, in particolar modo per i ragazzi frequentanti l’Alberghiero, e sostenere così le famiglie meno abbienti. “Siamo appena nati – commentano i componenti del Comitato – pertanto siamo aperti a qualsiasi suggerimento e auspichiamo che molti altri genitori aderiscano. Chi volesse ricevere informazioni può scriverci a cgconvittocorso@gmail.com”.

Jessica Bianchi