Max Pezzali si racconta in diretta sulla pagina Facebook di Radio Bruno

Stasera, martedì 18 maggio, alle 21, Max Pezzali sarà in diretta sulla pagina Facebook di Radio Bruno e su quella della Mondadori Bookstore di Carpi per presentare, intervistato dal giornalista dell’emittente Pierluigi Senatore, il suo libro Max 90. La mia storia, i miti e le emozioni di un decennio fighissimo.

0
335

Stasera, martedì 18 maggio, alle 21, Max Pezzali sarà in diretta sulla pagina Facebook di Radio Bruno (https://www.facebook.com/radiobruno) e su quella della Mondadori Bookstore di Carpi (https://www.facebook.com/mondadori.carpi) per presentare, intervistato dal giornalista dell’emittente Pierluigi Senatore, il suo libro Max 90. La mia storia, i miti e le emozioni di un decennio fighissimo (edito da Sperling&Kupfer).

Erano i primi Anni ’90 quando gli 883 si fecero conoscere da milioni di giovani con canzoni destinate a entrare nella storia della musica italiana. In quei brani c’erano la vita di provincia, i ragazzi senza cellulare (perché era roba da manager in giacca e cravatta) che per darsi un appuntamento si incontravano al bar e la dome­nica ascoltavano le partite alla radio; c’erano i gruppi di amici in giro con un «deca» in tasca e la certezza che la serata si sarebbe conclusa con un nulla di fatto; c’erano il sogno ameri­cano e la nebbia di Pavia, la radio a 1.000 watt e i pomeriggi d’inverno trascorsi in sala giochi. C’erano le immagini vivide di un decennio che Max Pezzali ha saputo consegnare come nessun altro, fino a renderle mitiche. In questo libro, Max ha selezionato oggetti (alcuni ormai spariti), espressioni, icone presenti nelle canzoni del suo repertorio e li ha disposti in fila – proprio come le tracce di un album – per raccontare gli anni 90, una generazione e il suo immaginario. In quegli anni, cosa rappresentava la maglietta nera citata in Non me la menare? Che cosa voleva dire scrivere lunghe lettere d’amore come si canta in Come mai, o «trafficare» con i VHS e le riviste a luci rosse, come fanno i protagonisti di Cumuli? E molto, moltissimo altro ancora, in una carrellata di aneddoti e racconti personali capaci di dare forma a una singolare e divertentissima «autobiografia» per temi e di consegnarci lo spirito di un decennio indimenticabile. Sempre con i brani degli 883 e di Max a scandire le tappe di questo viaggio straordinario.