Donini annuncia ulteriori strette per contenere il virus

“Abbiamo condiviso con gli amministratori locali e con le direzioni aziendali sanitarie ulteriori provvedimenti per la scuola e non solo, con l’obiettivo di limitare al massimo la circolazione delle persone nei territori che riportavano una incidenza di gran lunga superiore alla media: lo abbiamo fatto con Bologna città metropolitana e il circondario imolese e con alcune province della Romagna ma sicuramente lo faremo anche con altre province”, annuncia l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini.

0
1012
l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini

“Faremo ogni passo necessario per mettere in campo ulteriori azioni di contenimento di questa incursione pandemica che ci preoccupa molto”. A parlare è l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini il quale non esclude inasprimenti e ulteriori e più restrittive misure per arginare l’aumento dei contagi nella nostra Regione.

“Abbiamo condiviso con gli amministratori locali e con le direzioni aziendali sanitarie ulteriori provvedimenti per la scuola e non solo, con l’obiettivo di limitare al massimo la circolazione delle persone nei territori che riportavano una incidenza di gran lunga superiore alla media: lo abbiamo fatto con Bologna città metropolitana e il circondario imolese e con alcune province della Romagna ma sicuramente lo faremo anche con altre province”, annuncia Donini.

La situazione è in itinere e pertanto, prosegue, “va monitorata ora per ora perché quando sarà oggetto di valutazione complessiva in settimana (ndr – per stabilire un eventuale passaggio in zona arancione scura o peggio ancora rossa) insieme al Ministero dovremo fare anche il punto rispetto alla pressione sui reparti ospedalieri”.

L’appello ai cittadini è sempre lo stesso: senso di responsabilità. “Questo virus – conclude l’assessore regionale – non si prende per corrispondenza e anche se il rischio zero non esiste, di certo, anche in ragione delle sue modificazioni genetiche, aumenta notevolmente se non si rispettano le regole che abbiamo imparato a seguire”.