Incendio a Care: nessuna criticità emersa dai primi campionamenti dell’aria

A fuoco materiali plastici stoccati, in attesa di selezione. Nei prossimi giorni, Arpae proseguirà gli accertamenti e le verifiche  finalizzate a seguire le operazioni di messa in sicurezza dell'area e di corretto smaltimento dei rifiuti generati dall’incendio.

0
459

Arpae Modena è intervenuta nella serata di martedì 23 febbraio sul luogo di un incendio divampato intorno alle 20 presso la Ditta Ca.Re. di Fossoli. La ditta svolge attività di selezione e trattamento di rifiuti non pericolosi provenienti dalla raccolta differenziata domestica e di rifiuti speciali non pericolosi provenienti da attività produttive (carta e cartone, plastiche, metalli, legno, inerti ecc.); i materiali selezionati vengono successivamente avviati a recupero e il residuo a smaltimento in ditte autorizzate.

L’Agenzia è stata attivata alle ore 22.15 dalla centrale operativa dei Vigili del Fuoco, che riferiva dell’incendio ancora in corso e della presenza di una discreta quantità di fumo sprigionato dai rifiuti in fiamme. I tecnici di Arpae Modena sono intervenuti, insieme all’Azienda Usl, per valutare eventuali ricadute ambientali e sanitarie dell’incendio. Era già presente una squadra di Vigili del Fuoco e, al momento del sopralluogo, l’incendio risultava già spento, con una limitata presenza di fumo. L’acquisizione dei dati meteorologici della stazione meteorologica urbana  ha consentito di verificare che, nelle fasi più critiche dell’incendio, i venti erano disposti in prevalenza da SE – SSE, con conseguente ricaduta dei fumi verso NE e NNE, quindi verso le zone agricole. 

I tecnici di Arpae hanno quindi proceduto a effettuare i campionamenti degli inquinanti tipici della combustione nelle aree esterne di pertinenza aziendale con una strumentazione a lettura diretta (Composti Organici Volatili  e Monossido di Carbonio – CO) e fiale Draeger (acido cloridrico, formaldeide e NOx), ottenendo valori al di sotto del limite di rilevabilità strumentale. Non si sono quindi evidenziate situazioni di criticità.

A integrazione di queste misure di breve durata, per seguire l’evoluzione dell’evento fino alla sua completa risoluzione, sono stati individuati due punti in cui effettuare monitoraggi di più lunga durata con campionatori passivi (24-48 ore), uno collocato nelle vicinanze dell’impianto in via Remesina Esterna nelle vicinanze dell’unico nucleo abitato, e il secondo a Fossoli nei pressi della Polisportiva Fossolese 1945 ASD in viale Q. Pioppi, alla confluenza con la SP Romana Nord. Si è poi individuato un punto di confronto presso la stazione di monitoraggio di via Giardini a Modena. I risultati di questi rilievi saranno pubblicati appena disponibili, compatibilmente con i tempi tecnici di analisi.

Nei prossimi giorni, Arpae proseguirà gli accertamenti e le verifiche  finalizzate a seguire le operazioni di messa in sicurezza dell’area e di corretto smaltimento dei rifiuti generati dall’incendio.