Si rompe una rotaia fra Carpi e Modena, innumerevoli i ritardi e le soppressioni

L’anno non è iniziato sotto i migliori auspici per gli utenti ferroviari. Ieri giovedì 7 gennaio fra le 6:30 e le 11:30, a causa della rottura di una rotaia fra Carpi e Modena, ci sono stati ben 15 treni coinvolti da ritardi e soppressioni.

0
707

L’anno non è iniziato sotto i migliori auspici per gli utenti ferroviari. Ieri giovedì 7 gennaio fra le 6:30 e le 11:30, a causa della rottura di una rotaia fra Carpi e Modena, ci sono stati ben 15 treni coinvolti da ritardi e soppressioni: 8 treni cancellati (corsette MO-Carpi, n. 4 in direzione Modena e 4 in direzione Carpi); 5 treni cancellati parzialmente, con ritardi fino a 51′ (n. 2 MO-MN e n. 3 MN-MO) e altri 2 treni con ritardo di circa 25′ (n. 1 direzione MN e n. 1 direzione MO).
“Lo scorso anno – spiega Angelo Frascarolo, presidente del Comitato Utenti Ferrovia Modena-Carpi-Mantova – la linea non aveva dato particolari problemi e i frequenti guasti che avevano caratterizzato il 2018 e il 2019 si erano ridotti. Non vorremmo che questo evento rappresentasse, invece, l’avvio di una nuova serie di problemi alla linea con i relativi conseguenti disagi per i viaggiatori. L’auspicio è quello che le istituzioni  (in primis la Regione Emilia-Romagna e i Comuni di Carpi e Modena)  ci sostengano nel richiedere il proseguimento, da parte di RFI, degli investimenti che sono posti in atto nel recente passato, per completare la sistemazione della linea Modena-Carpi-Mantova.