Una ghost bike in memoria di Marco Pecchini

Una bicicletta interamente pitturata di bianco è stata posta nel tardo pomeriggio di oggi, in via dell’Industria, da un gruppo di cittadini, per celebrare la memoria di Marco Pecchini, il ciclista che lì, su quella strada, ha trovato la morte lo scorso 8 ottobre, investito da un’auto.

0
1985

Una bicicletta interamente pitturata di bianco è stata posta nel tardo pomeriggio di oggi, in via dell’Industria, da un gruppo di cittadini, per celebrare la memoria di Marco Pecchini, il ciclista che lì, su quella strada, ha trovato la morte lo scorso 8 ottobre, investito da un’auto.
La ghost bike è un simbolo che popola numerose strade del mondo a testimonianza di coloro che in sella alla loro due ruote hanno perduto la vita.
Ora una bici bianca ricorderà Marco e la sua passione e resterà lì, a sussurrare alle nostre coscienze che ogni morte violenta sulla strada è una sconfitta, per tutti, e che una società che non garantisce il diritto di spostarsi in modo sostenibile in piena sicurezza non può essere definita civile.
Jessica Bianchi