La Giunta smantella il laghetto con le tartarughe

Era lì dal 1992 quando era stato realizzato il Parco Pertini di via Bollitora. Unico nel suo genere a Carpi nel tempo ha creato problematiche in conseguenza del fatto che i cittadini vi depositavano pesci e rettili non più di loro gradimento.

0
2025

La delibera della Giunta Bellelli porta la data dell’8 agosto e dichiara immediatamente eseguibile la demolizione del laghetto artificiale del Parco Pertini con l’allontanamento delle tartarughe presenti e il ripristino dell’area.

Quando nel 1992 fu realizzato a Carpi, il Parco Pertini (37mila metri quadrati di superficie) già ricomprendeva il laghetto di circa 150 metri quadrati, unico nel suo genere, in città e particolarmente apprezzato nel tempo come luogo di attrazione. “Progressivamente – si legge nel testo della delibera – i cittadini vi hanno depositato pesci e rettili non più di loro gradimento creando problematiche gestionali non indifferenti. In particolare si rilevò negli anni una massiccia presenza di esemplari di Trachemys, una specie di tartaruga facente parte dell’elenco delle specie esotiche invasive”. Alla luce delle normative oggi vigenti, l’Amministrazione comunale ha stabilito di procedere alla raccolta dei duecento esemplari presenti e ha dato disposizioni per il loro allontanamento e mantenimento in luogo protetto. La recinzione metallica verrà eliminata e l’area verrà ricoperta di terra. L’importo complessivo dell’intervento è di 25mila euro.

I frequentatori del Parco Bollitora avevano segnalato più volte la presenza di rifiuti e l’acqua putrida.