La Regione finanzia con 5 milioni di euro il progetto del Comune sul Biscione

Cinque milioni, che si aggiungono ai 3 messi a disposizione da Comune e Acer “per recuperare un immobile che oggi – ha commentato il sindaco Bellelli – presenta un alto rischio sociale oltre a un preoccupante fenomeno di ghettizzazione e degrado. Il progetto è ambizioso così come l’obiettivo da centrare: l’integrazione e una diversa fruizione collettiva di quel luogo”.

0
943

Carpi è rientrato con il proprio piano di recupero del Biscione di via Unione Sovietica fra i quattro progetti finanziati dal bando da 21 milioni della Regione Emilia Romagna e diretto a migliorare e ampliare l’offerta di alloggi di edilizia residenziale sociale e pubblica, attraverso il recupero e la realizzazione di nuove case popolari e sociali, la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico degli immobili esistenti, l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici per garantirne l’accessibilità e incrementare così la qualità urbana dei quartieri da riqualificare.
Carpi – unica città non capoluogo di provincia – unitamente a Rimini, Reggio Emilia e Ravenna si aggiudicano così quasi 21 milioni di euro.
Cinque milioni, che si aggiungono ai 3 messi a disposizione da Comune e Acer, (originariamente destinati a edilizia residenziale pubblica nell’ex Consorzio agrario, ma reindirizzati poi sul biscione in questa seconda legislatura grazie all’intervento deciso dell’assessore Riccardo Righi) “per recuperare un immobile che oggi – ha commentato il sindaco Alberto Bellelli – presenta un rischio sociale oltre a un preoccupante fenomeno di ghettizzazione e degrado. Siamo molto soddisfatti perché la strategia urbana è quella che migliora la qualità di vita dei cittadini. Il progetto è ambizioso così come l’obiettivo da centrare: l’integrazione e una diversa fruizione collettiva di quel luogo”.
J.B.