Gli studenti del Meucci donano 1.700 euro per aiuti alimentari

1.700 euro per sostenere l’acquisto di aiuti alimentari per persone in difficoltà. All’unanimità tutti gli studenti dell’Istituto Meucci hanno deciso di devolvere a questa finalità il frutto della loro raccolta fondi per autofinanziare le attività in autogestione interne alla scuola che, a causa della situazione di emergenza sanitaria in corso, non potranno più essere svolte.

0
395

1.700 euro per sostenere l’acquisto di aiuti alimentari per persone in difficoltà. All’unanimità tutti gli studenti dell’Istituto Meucci hanno deciso di devolvere a questa finalità il frutto della loro raccolta fondi per autofinanziare le attività in autogestione interne alla scuola che, a causa della situazione di emergenza sanitaria in corso, non potranno più essere svolte.
“Ci siamo confrontati con i rappresentanti di classe e per loro tramite con gli studenti di tutte le classi dell’Istituto – fanno sapere in una lettera aperta i rappresentanti in Consiglio di Istituto Lorenzo Cavallotti, Anna Giordano, Lucrezia Visintin ed Eleonora Borghi – e l’intera comunità studentesca del Meucci ha approvato l’iniziativa come gesto che proviene dal cuore di ognuno degli studenti, affinché anche noi possiamo dare un contributo attivo alla lotta contro questo virus che in così poco tempo ci ha tolto così tanto della nostra vita passata. Vorremmo che fosse un simbolo, un messaggio di speranza dalle nuove generazioni a chi più sta subendo gli effetti di questo virus insidioso e aggressivo, perché il futuro è nostro ma se non ci prendiamo cura del presente non avremo nulla per cui lottare. In questi giorni bui, dove ognuno nel suo piccolo può fare la differenza, noi scegliamo di farlo con la consapevolezza che tutti insieme possiamo far ritornare alla normalità la nostra splendida città e farle riacquistare il suo ruolo che merita in Italia e nel mondo”.
Il Dirigente Scolastico e i docenti della scuola esprimono un vivo ringraziamento agli studenti per questo splendido gesto di solidarietà.