Venturi attacca Borrelli: “le opinioni in libertà lasciamole dentro ai bar”

Sul commento rilasciato questa mattina dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli in un’intervista, secondo cui dopo Pasqua e Pasquetta «anche il 1° maggio lo passeremo chiusi in casa», il commissario ad acta per l’Emergenza Coronavirus, Sergio Venturi è stato lapidario: “le opinioni in libertà lasciamole dentro ai bar”.

0
1068
Sergio Venturi

Sul commento rilasciato questa mattina dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli in un’intervista, secondo cui dopo Pasqua e Pasquetta «anche il 1° maggio lo passeremo chiusi in casa», il commissario ad acta per l’Emergenza Coronavirus, Sergio Venturi è stato lapidario: “le opinioni in libertà lasciamole dentro ai bar”.
Durissima la condanna di Venturi: “sentire esponenti di rilievo lasciarsi andare su quando finirà l’emergenza non è tollerabile. Io penso sia più positivo tacere quando non si hanno risposte. Chiunque dica oggi che il 1° maggio saremo ancora chiusi in casa parla di qualcosa di cui non è certo. Magari è vero, ma resta un’opinione: legittima, come quella su chi vincerà lo scudetto, ma tra le mura di un bar.
Ma se una dichiarazione del genere arriva da un esponente del governo di cui la gente ha stima allora abbiamo un problema. Smettete di raccontarci che il 18 maggio finirà l’emergenza: non abbiamo bisogno di preoccuparci più di quanto già siamo. Tutti i giorni si sentono cose che non hanno nè capo nè coda. In una situazione così difficile, in regioni devastate dall’epidemia, non è opportuno lasciarsi andare alle opinioni. La politica deve parlare con una voce sola: riapriremo e allenteremo le misure quando ci saranno le condizioni per poterlo fare. Questo è il tempo di lavorare non di abbandonarsi a ipotesi e previsioni prive di fondamento”, ha concluso Venturi, confermato commissario ad acta per la gestione dell’emergenza Coronavirus in Emilia-Romagna, con proroga dell’incarico, in scadenza domani, fino al 31 luglio 2020, data in cui termina lo stato d’emergenza nazionale decretato dal Governo.