Nei prossimi 10 giorni ci giochiamo il futuro della salute di questo Paese

Giro di vite durissimo di Venturi sulle passeggiate. “Abbiamo triplicato i letti di terapia intensiva ma solo oggi ne abbiamo consumate alcune decine. O invertiamo la tendenza o saremo tutti a rischio: credo che ciascuno di noi desideri un posto letto qualora ne avesse bisogno. Ebbene allora non mettiamoli a rischio perché abbiamo bisogno di fare una corsetta mattutina o una passeggiata per semplice cazzeggio. Attenzione - avverte Venturi - perché potremmo proibire anche quella”.

0
4976
Sergio Venturi

“Nei prossimi 10 giorni ci giochiamo il futuro della salute di questo Paese”. Oggi, nella sua consueta diretta Facebook, il commissario ad acta, Sergio Venturi è stato durissimo. I dati sono inclementi: 3.522 i casi positivi in Emilia Romagna, 429 più di ieri ma a preoccupare maggiormente è il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva, ben 197, 28 in più rispetto alla giornata di ieri. L’appello di Venturi è a tutti coloro che continuano a passeggiare in giro per le città: “pensate per un attimo alle persone che tutti i giorni, 24 ore al giorno, lavorano in condizioni nemmeno del tutto sicure dal momento che le mascherine non sono quante vorremmo (avremo bisogno di 100 milioni di mascherine al mese e non ci sono quindi dovremo introdurre delle procedere di sanificazione per poterle riutilizzare) e che si prodigano per salvare vite umane peraltro a volte senza riuscirvi, come dimostra il numero dei decessi di oggi (62 in più rispetto a ieri, 346 dall’inizio di questa drammatica emergenza). Ebbene noi rischiamo che il nostro servizio sanitario non riesca a far forte alle esigenze delle prossime settimane se voi non rimanete a casa vostra. E se non lo farete – annuncia Venturi – qualcuno prenderà dei provvedimenti di carattere più coercitivo”. E poi l’affondo: “vedo ancora che qualcuno fa finta di nulla e gira per le strade senza mascherine, fatemi il piacere di restare in casa! Andate a fare la spesa, uno per famiglia, ma non andate a fare le passeggiate di cazzeggio: non è più il tempo! Nei prossimi 10 giorni ci giochiamo il futuro della salute di questo Paese. Non possiamo permetterci di mettere in ginocchio il nostro sistema sanitario. Per rispetto a chi lo fa funzionare smettete di pensare che questa sia un’allegra scampagnata, non lo è. Abbiamo triplicato i letti di terapia intensiva ma solo oggi ne abbiamo consumate alcune decine. O invertiamo la tendenza o saremo tutti a rischio: credo che ciascuno di noi desideri un posto letto qualora ne avesse bisogno. Ebbene allora non mettiamoli a rischio perché abbiamo bisogno di fare una corsetta mattutina. Attenzione – avverte Venturi – perché potremmo proibire anche quella”.
J.B.