Non gli consegna l’incasso e lo massacra di botte: ucraino arrestato dai Carabinieri

Non gli consegna l’incasso e lo massacra di botte. E’ accaduto stanotte, in centro storico, quando un ucraino, residente a Carpi, è entrato in un minimarket gestito da un pakistano, scatenando l’inferno. L’uomo, completamente ubriaco, ha tentato di farsi consegnare l’incasso della serata e di fronte al rifiuto del negoziante, gli si è scaraventato addosso con calci e pugni come una furia, lasciandolo esanime a terra e procurandogli lesioni gravi.

0
2550

Non gli consegna l’incasso e lo massacra di botte. E’ accaduto stanotte, in centro storico, quando un ucraino, residente a Carpi, è entrato in un minimarket gestito da un pakistano, scatenando l’inferno. L’uomo, completamente ubriaco, ha tentato di farsi consegnare l’incasso della serata e di fronte al rifiuto del negoziante, gli si è scaraventato addosso con calci e pugni come una furia, lasciandolo esanime a terra e procurandogli lesioni gravi.

Fortunatamente un passante, sentite le grida, ha chiamato il 112 e una pattuglia di Carabinieri ha immediatamente rintracciato l’aggressore: qualche centinaio di metri più lontano dal punto vendita tentava di nascondersi tra le auto in sosta. 

I militari lo hanno arrestato con l’accusa di tentata estorsione. L’uomo, ora in carcere, dovrà anche rispondere di lesioni personali gravissime; l’esercente, infatti, dimesso dall’ospedale, ne avrà per almeno trenta giorni.