Ex Mercato Coperto, il comune si sbrighi a rilanciarlo, è l’appello di Confesercenti

Per Confesercenti l’ex Mercato Coperto di piazzale Ramazzini è uno spazio da recuperare rapidamente e che deve mantenere la sua vocazione alimentare.

0
778

L’ex Mercato Coperto di Carpi è un contenitore strategico per la vitalità e l’attrattività del centro e va perciò recuperato. “La sua chiusura – spiega Confesercenti in una nota – ha provocato uno squilibrio dell’offerta per il comparto alimentare commerciale che risulta ora insufficiente, causando peraltro un disservizio per i residenti e, più in generale, per tutti coloro che si recano in centro per fare shopping.
A ciò si aggiunge che la struttura, ubicata in una delle porte di accesso più prestigiose della città, costituisce un pessimo biglietto da visita essendo oggi consegnata al degrado. È paradossale constatare che mentre il vecchio Mercato Coperto di piazzale Ramazzini – un insediamento commerciale piccolo, ma strategico (in tutto 800 mq) – è ormai abbandonato, sono maturati negli ultimi anni i presupposti urbanistici per la creazione di due enormi centri commerciali da oltre 50 mila mq, nell’area compresa tra Via dell’Industria e Tangenziale Losi che hanno determinato uno spostamento in periferia del baricentro commerciale, con grave danno per il commercio tradizionale.
Tutto questo avviene mentre la Regione ha approvato lo stanziamento di incentivi per contrastare lo spopolamento dei centri storici dei comuni, tra cui Carpi, colpiti dal sisma del 2012”.
Confesercenti chiede pertanto all’amministrazione comunale di “sostenere il recupero e la riqualificazione dell’esistente, evitando così di consumare ulteriore territorio e dando sostanza al tanto evocato saldo zero”.
Il Comune, conclude l’associazione di categoria, “deve provvedere rapidamente, di concerto con le associazioni di categoria, a emanare un bando per affidare a terzi la gestione della struttura di Piazzale Ramazzini, che deve mantenere la sua destinazione d’uso storicamente riconosciuta, cioè quella commerciale alimentare”.