Un volume per non dimenticare la via del volontariato

La presentazione del libro “La via del volontariato - Trento, Rovereto sulla Secchia, Centro Italia. Una storia di impegno, passione, competenza e amicizia a seguito del terremoto del 2016” è in programma venerdì 29 novembre, alle 20.30, presso la sala Tina Zuccoli (via E. Curiel, 49) a Rovereto sulla Secchia.

0
636

Decine di volontari emiliani e trentini, centinaia di chilometri percorsi e migliaia di ore di lavoro per contribuire alla ricostruzione del Centro Italia: il libro La via del volontariato – Trento, Rovereto sulla Secchia, Centro Italia. Una storia di impegno, passione, competenza e amicizia a seguito del terremoto del 2016 racconta l’impegno di Tutti Insieme a Rovereto e Sant’Antonio Onlus, insieme agli artigiani trentini della Val di Non, per cancellare le ferite di quel dramma e per dare speranza e possibilità di una rinascita vera a quelle comunità.

Sono stati tre i progetti sostenuti da Tutti insieme a Rovereto e Sant’Antonio Onlus con l’aiuto dell’Associazione artigiani della Val di Non: il Centro socio commerciale di Montegallo (Ascoli Piceno), la Sala Polivalente di Pretare (Ascoli Piceno) e il Centro commerciale di Accumoli (Rieti). A meno di 18 mesi di distanza dal terremoto e a 10 mesi dalla prima verifica di fattibilità dei progetti, sono state inaugurate tutte le strutture, ancora oggi, tra le poche completate.

“La ricetta, che questa pubblicazione si prefigge di descrivere – afferma il presidente di Tutti Insieme a Rovereto e Sant’Antonio Onlus, Paolo Martinelli – affinché sia testimonianza e guida per analoghe iniziative future, rimane al contempo straordinariamente semplice e efficace. Le costruzioni sono realizzate in convenzione con le pubbliche amministrazioni a cui sono successivamente donate.

Agli sponsor vengono presentati dei dettagliati progetti, richiedendo erogazioni liberali che il nostro status di Onlus permette loro di detrarre. Le risorse finanziarie raccolte sono destinate a specifici e precisi progetti, i materiali reperiti a prezzi di favore e spesso donati e assemblati grazie alla fondamentale opera di volontari: il tutto con metodo, attraverso tanta organizzazione, programmazione, preparazione, progettazione e alcuni semplici vincoli di trasparenza come quello di utilizzare tutte le risorse per i progetti proposti ai finanziatori, senza distrarle, per nessun motivo, neppure per il rimborso spese dei volontari coinvolti nei progetti, mantenendo pubblici i conti e rendicontando alla fine dei progetti”.

Tutti coloro che hanno contribuito alla ricostruzione di Montegallo, Pretare e Accumoli condividono l’orgoglio di far parte di un mondo, quello del volontariato, che ha dimostrato ancora una volta di rappresentare una delle realtà migliori di questo Paese: sensibilità, disponibilità, trasparenza fanno parte integrante dell’essere di queste persone. Senza clamore, senza riflettori e senza chiedere nulla in cambio hanno messo a disposizione il loro tempo e la loro professionalità per raggiungere obiettivi apparentemente impossibili. La presentazione del volume La via del volontariato – Trento, Rovereto sulla Secchia, Centro Italia. Una storia di impegno, passione, competenza e amicizia a seguito del terremoto del 2016 è in programma venerdì 29 novembre, alle 20.30, presso la Sala Tina Zuccoli (via Curiel, 49) a Rovereto sulla Secchia.

Sara Gelli