Babbo Natale non è mai arrivato fin qui

E’ passato un anno e mezzo ma nulla è cambiato. In questi diciotto mesi Piazzale Ramazzini è stato lasciato al suo destino. Il Natale si avvicina e il resto del centro storico si animerà con canti ed eventi, ma “Babbo Natale non è mai arrivato fino a Piazzale Ramazzini” afferma Romeo Bellentani, titolare del negozio L’oro-logio.

0
633

E’ passato un anno e mezzo ma nulla è cambiato. In questi diciotto mesi Piazzale Ramazzini è stato lasciato al suo destino. I lavori in corso sul lato est per ripristinare la pavimentazione in cubetti di porfido danneggiata dal passaggio delle auto che cercano parcheggio non cambierà il volto della porta di accesso al centro storico per chi viene da sud e percorre corso Roma per arrivare alla zona pedonalizzata di Piazza Garibaldi.

L’ultimo cantiere che ha ridisegnato Piazzale Ramazzini risale al 2000 poi la viabilità è stata modificata più volte fino all’assetto attuale. Ancora confuso se “qui non si tiene nemmeno più il conto della gente che va contromano”.

Nel lato ovest sono rimasti 23 dei 37 posti auto originari nel parcheggio davanti all’ex Mercato Porta Modena che ha ben due entrate e due uscite, ma nessun cartello che indichi la durata della sosta. Per informarsi occorre tornare a piedi all’ingresso dove c’è l’unico segnale con l’indicazione.

“La viabilità nel piazzale è stata modificata più volte in base a esigenze contingenti ma senza una logica di fondo o una lettura complessiva del piazzale nel suo insieme. In funzione dell’ex Mercato di Porta Modena furono fatte scelte che oggi non trovano una spiegazione come i marciapiedi che corrono all’interno dell’area e servivano per raggiungere l’auto con il carrello quando la maggior parte dei clienti se ne andava con le sporte in mano. Il declino dell’ex Mercato coperto è iniziato poco dopo e oggi è ancora tutto chiuso e buio”.

Il problema dell’illuminazione si trascina da anni. “Tutte le volte che si guasta una lampada dobbiamo telefonare più volte prima che venga sostituita e i due lampioni che sono stati eliminati perché gli automobilisti continuavano a sbatterci contro, non sono stati mai ripristinati, per cui il piazzale è poco illuminato”. 

A parlare è il titolare del negozio L’oro-logio, Romeo Bellentani, che conduce una battaglia lunga cinque anni. Risale al novembre 2017 l’ultima lunga serie di richieste ma nella risposta abbozzata dall’Amministrazione Comunale nel maggio del 2018 sono indicati come eseguiti lavori diversi da quelli richiesti (“avevamo proposto che la sosta di un’ora venisse estesa anche ai posti auto davanti all’ex Mercato di Porta Modena ma è stata resa libera dopo l’eliminazione dei posti riservati al carico e scarico”) oppure come in fase di esecuzione lavori che ancora oggi non sono partiti (illuminazione e sistemazione del ciotolato).

La questione prioritaria resta sempre quella della sicurezza, a rischio per la promiscuità di auto, bici e pedoni che condividono i medesimi spazi, “pieni di buche”, insieme ai locali che si estendono all’aperto durante la bella stagione.
“Il Comune è intervenuto nel 2016 per modificare nuovamente la viabilità, sempre in base a esigenze contingenti, ma cambiare i sensi di marcia, le entrate e le uscite o chiudere una porzione di via non è stato risolutivo. L’eleganza degli arredi del centro storico resta in questa porzione sconosciuta. Per non parlare del livello generale di pulizia e ordine”. Il Natale si avvicina e il resto del centro storico si animerà con canti ed eventi, ma “Babbo Natale non è mai arrivato fino a Piazzale Ramazzini”.

Sara Gelli