Dobbiamo aspettare che qualcuno si faccia male?

0
17

“Ho bussato a tutte le porte ma, purtroppo, nulla è ancora cambiato”. Dopo essersi rivolto ripetutamente alla Polizia Municipale, invano, un cittadino carpigiano ha deciso di provare a smuovere le acque ricorrendo alla stampa: “non avrei mai pensato di spingermi a tanto ma questa situazione ormai esige soluzioni drastiche”. Dopo aver acquistato un immobile al civico 18 di via Roosevelt, si è scontrato con uno sgradito imprevisto: “accanto alla nostra, c’è una casa disabitata in completo stato di abbandono. Nel giardino svettano delle piante imponenti a cui nessuno fa manutenzione e una è completamente secca. Il mio timore, com’è già avvenuto in passato, è che l’albero cada nel mio giardino o sulla strada mettendo così a rischio l’incolumità della mia famiglia, tra cui due bimbi di due e quattro anni, e i passanti”. Di fronte alla noncuranza della proprietaria della casa, più volte contattata, è ricorso ai vigili: “alle mie segnalazioni hanno risposto che sono stati formalizzati vari verbali ma, ad oggi, tutto è rimasto invariato”. Tra pochi mesi, al termine della ristrutturazione, l’uomo e la sua famiglia potrebbero essere pronti a entrare nella nuova abitazione ma, prosegue, “non certo a queste condizioni. Mesi fa ho dovuto ricorrere al noleggio di un cestello per liberare un cavo elettrico dal rampicante che lo aveva completamente avvolto e che veniva dalla casa vicina. Ma questo è il problema minore: nel giardino, infatti, ci sono topi ovunque, un’auto abbandonata che perde olio motore e sta inquinando il terreno e cumuli di sterpaglie… Non è raro che gli automobilisti in coda in prossimità del passaggio a livello gettino dai finestrini delle auto dei mozziconi di sigaretta: basta un attimo per scatenare roghi e la mia casa è proprio lì accanto. Dobbiamo aspettare che qualcuno si faccia male prima di intervenire? Qualcuno deve pur svegliarsi e fare qualcosa”.
Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here